Benessere occhi

Lenti a contatto notturne per ortocheratologia: aiutano davvero a rallentare la miopia?

ortocheratologia notturna

La miopia è uno dei problemi agli occhi più diffusi. Fortunatamente le soluzioni per affrontarla non mancano, inclusa l’ortocheratologia notturna.

Afomill Gocce Oculari

Lenti notturne per ortocheratologia: di cosa si tratta?

Per capire come funzionano le lenti notturne per ortocheratologia è utile ricordare che la miopia può dipendere da un’alterazione della curvatura della cornea (la membrana trasparente che ricopre la parte anteriore dell’occhio). Correggerla consente di evitare altri problemi, come cataratta e distacco della retina.

Dal punto di vista del paziente l’ortocheratologia notturna è una soluzione semplice: basta indossare le lenti notturne per ortocheratologia. In realtà, però, si tratta di un rimedio personalizzato: le lenti a contatto per ortocheratologia vengono messe a punto dopo un’analisi accurata delle caratteristiche degli occhi.

In particolare, per mettere a punto le lenti notturne per ortocheratologia si studiano la retina e lo strato esterno dell’occhio con un topografo, che permette di ottenere una mappa della cornea. Le informazioni ottenute vengono combinate con le dimensioni della cornea e le diottrie necessarie per correggere il disturbo; il risultato è un paio di lenti per ortocheratologia notturna gas permeabili che rimodellano la superficie della cornea.

Lenti notturne per ortocheratologia: sono efficaci?

L’ortocheratologia notturna sembra essere efficace. La velocità dei risultati varia però da caso a caso, in particolare:

  • Dalla gravità iniziale della miopia di chi usa lenti notturne per ortocheratologia;
  • Dalla rigidità della cornea sottoposta a ortocheratologia notturna;
  • Dalla quantità e dalle caratteristiche delle lacrime di chi indossa lenti notturne per ortocheratologia.

I risultati ottenuti con questo metodo non sono però definitivi; per mantenerli è necessario continuare a utilizzare le lenti notturne per ortocheratologia. In alcuni casi potrebbe essere necessario proseguire con l’ortocheratologia notturna ogni 2-4 giorni, ma potrebbe anche essere consigliato di continuare a utilizzare le lenti notturne per ortocheratologia ogni notte.

ortocheratologia notturna

Ortocheratologia notturna: gli effetti collaterali

Questa soluzione sembra essere anche sicura. Tutto dipende da come vengono utilizzate le lenti notturne per ortocheratologia. In particolare:

  • Le lenti notturne per ortocheratologia devono essere indossate correttamente;
  • Bisogna seguire le indicazioni ricevute quando si è iniziato l’uso dell’ortocheratologia notturna;
  • Bisogna seguire le istruzioni ricevute sui controlli di routine dell’uso delle lenti notturne per ortocheratologia;
  • Bisogna affrontare tempestivamente eventuali complicazioni dell’ortocheratologia notturna.

Fra queste ultime, la più grave è la cheratite microbica, un’infezione della cornea. Ma i possibili problemi associati all’ortocheratologia notturna sono anche altri, come l’assottigliamento della cornea, depositi di ferro associati a lesioni, macchie sulla cornea, adesione delle lenti all’occhio e riduzione delle lacrime e della stabilità del film lacrimale.

Ortocheratologia notturna e lacrimazione: cosa fare?

A proposito di lacrime, l’ortocheratologia notturna può aumentare la loro concentrazione. Fortunatamente basta interrompere l’uso delle lenti notturne per ortocheratologia perché la situazione ritorni nella norma.

In generale, quando si indossano a lungo delle lenti a contatto è utile idratare l’occhio con gocce specifiche. Un principio attivo utile è l’acido ialuronico, capace di ristabilire l’equilibrio di un film lacrimale alterato.

 

Fonti:

EurOk – European Academy of Orthokeratology and Myopia Control. http://www.eurok.eu/orthokeratology, 26/04/18

Nieto-Bona A et al. Tear Film Osmolarity in Response to Long-Term Orthokeratology Treatment. Eye Contact Lens. 2018 Mar;44(2):85-90. doi: 10.1097/ICL.0000000000000347

Liu YM and Xie P. The Safety of Orthokeratology–A Systematic Review. Eye Contact Lens. 2016 Jan;42(1):35-42. doi: 10.1097/ICL.0000000000000219

Sun Y et al. Influence of Overnight Orthokeratology on Corneal Surface Shape and Optical Quality. J Ophthalmol. 2017;2017:3279821. doi: 10.1155/2017/3279821

Kong Q et al. Factors Determining Effective Orthokeratology Treatment for Controlling Juvenile Myopia Progression. Iran J Public Health. 2017 Sep;46(9):1217-1222

Chuang AY. How to effectively manage myopia. Taiwan J Ophthalmol. 2017 Jan-Mar;7(1):44-47. doi: 10.4103/tjo.tjo_24_17

Lee YC et al. Effect of Orthokeratology on myopia progression: twelve-year results of a retrospective cohort study. BMC Ophthalmol. 2017 Dec 8;17(1):243. doi: 10.1186/s12886-017-0639-4

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC

Video

Mbenessere TV

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter