Colesterolo

Verdure estive, quali scacciano il colesterolo? Ecco tutte le migliori

Pomodori, peperoni, melanzane, cetrioli: le verdure estive non mancano, e portandole in tavola non si aggiunge solo un pizzico di vitamine, minerali e freschezza ai propri piatti, ma si possono anche proteggere le arterie. C’è, infatti, un nemico della salute cardiovascolare che può essere tenuto sotto controllo anche grazie a diverse verdure estive: il colesterolo.

Lactoflorene colesterolo

Colesterolo e salute cardiovascolare

Il colesterolo può mettere in pericolo il cuore accumulandosi nelle pareti delle arterie. In particolare, colesterolo totale e “cattivo” non dovrebbero oltrepassare una soglia massima.
Anche quando si assumono farmaci per abbassare il colesterolo, l’alimentazione, verdure incluse, è fondamentale per tenerlo sotto controllo. In particolare, diverse verdure estive contengono molecole che possono aiutare a ridurne l’assorbimento: fibre solubili e fitosteroli.

Fibre solubili, verdure estive e colesterolo

Le fibre solubili sono presenti in diversi alimenti vegetali. Non essendo digeribili e assorbibili arrivano intatte nell’intestino, dove possono controllare l’assorbimento del colesterolo.
Il loro nome deriva dal fatto di essere solubili in acqua, una caratteristica che permette loro di formare dei gel. Studi scientifici hanno dimostrato che riescono ad abbassare i livelli di colesterolo totale e “cattivo”.

Fra le verdure estive che aiutano a fare il pieno di queste molecole spiccano le melanzane: dopo cotte in padella senza aggiunta di grassi ne apportano 1,19 grammi l’etto. 100 grammi di peperoni, cotti nello stesso modo, ne apportano 750 mg. Altre verdure estive che le contengono sono radicchio rosso (crudo, 590 mg in 100 grammi), pomodori (da insalata, 240 mg in 100 grammi), cetrioli (210 mg in 100 grammi) e lattuga 130 mg (in 100 grammi).

Verdure estive contro il colesterolo: le prove

I benefici di alcune di queste verdure estive contro il colesterolo sono stati dimostrati dalla scienza. Il consumo di derivati del pomodoro, per esempio, è stato associato alla riduzione del colesterolo “cattivo” e all’aumento della sua resistenza all’ossidazione (un fenomeno che lo rende più pericoloso per la salute cardiovascolare). Inoltre nelle donne in sovrappeso il pomodoro migliora i livelli del cosiddetto colesterolo “buono”, quello che viaggia verso l’organo responsabile della sua eliminazione (il fegato).

Studi condotti nei roditori sembrano confermare anche i benefici della lattuga. Il suo consumo è stato associato a un miglior rapporto tra colesterolo “cattivo” e “buono” e alla riduzione del colesterolo nel fegato. Quella rossa potrebbe migliorare sia i livelli ematici di colesterolo sia la sua ossidazione.

Le verdure estive bastano?

Nonostante i loro potenziali benefici, le verdure estive potrebbero non essere sufficienti a controllare il colesterolo. In alcuni casi il medico potrebbe prescrivere dei farmaci. In altri potrebbero essere utili alimenti fortificati (cioè cui sono state aggiunte sostanze che possono aiutare a tenere sotto controllo il colesterolo) o integratori alimentari.
Fra questi ultimi sono inclusi prodotti contenenti un ingrediente dall’azione analoga a quella dei farmaci più utilizzati contro il colesterolo (le statine). Si tratta degli integratori a base di riso rosso fermentato, fonte di monacolina K, vera statina naturale.

Per essere sicuri di scegliere la strategia migliore senza correre inutili rischi basta chiedere consiglio al medico o al nutrizionista, ricordando che nessuna soluzione fa venire meno la necessità di agire sull’alimentazione quotidiana.

Fonti articolo:

  • Brown L et al. Cholesterol-lowering effects of dietary fiber: a meta-analysis. Am J Clin Nutr. 1999 Jan;69(1):30-42. doi: 10.1093/ajcn/69.1.30
  • Cicero AFG. Riso rosso fermentato, monacolina K ed effetti pleiotropici. Recenti Prog Med. 2018 Feb;109(2):154e-157e. Doi: 10.1701/2865.28917
  • Crea – Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione. Tabelle di composizione degli alimenti. https://bit.ly/1WdR5a7. 24/06/19
  • Cuevas-Ramos D et al. Effect of tomato consumption on high-density lipoprotein cholesterol level: a randomized, single-blinded, controlled clinical trial. Diabetes Metab Syndr Obes. 2013 Jul 26;6:263-73. doi: 10.2147/DMSO.S48858
  • De Smet E et al. Effects of plant sterols and stanols on intestinal cholesterol metabolism: suggested mechanisms from past to present. Mol Nutr Food Res. 2012 Jul;56(7):1058-72. doi: 10.1002/mnfr.201100722
  • Lee JH et al. Effects of dietary supplementation with red-pigmented leafy lettuce (Lactuca sativa) on lipid profiles and antioxidant status in C57BL/6J mice fed a high-fat high-cholesterol diet. Br J Nutr. 2009 Apr;101(8):1246-54. doi: 10.1017/S0007114508073650
  • Nicolle C et al. Health effect of vegetable-based diet: lettuce consumption improves cholesterol metabolism and antioxidant status in the rat. Clin Nutr. 2004 Aug;23(4):605-14. doi: 10.1016/j.clnu.2003.10.009
  • Piironen V et al. Plant sterols in vegetables, fruits and berries. J Sci Food Agric 83:330–337. doi: 10.1002/jsfa.1316
  • Silaste ML et al. Tomato juice decreases LDL cholesterol levels and increases LDL resistance to oxidation. Br J Nutr. 2007 Dec;98(6):1251-8. doi: 10.1017/S0007114507787445

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC

Video

Mbenessere TV

Approfondimenti

Domande e Risposte Glossario

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Social Media

Lactoflorene Colesterolo

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >