Intestino

Scopri cosa sono gli psicobiotici: il benessere dell’intestino per psiche, umore e depressione

psicobiotici

La flora microbica intestinale (o microbiota) gioca un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute sia fisica che mentale.

Lactoflorene plus fermenti

Che correlazione hanno intestino e psiche?

Il microbiota svolge un’azione decisiva di comunicazione fra l’apparato digerente e il sistema nervoso centrale. Recenti studi scientifici chiariscono alcune delle relazioni tra il microbiota intestinale e l’asse dell’intestino (sistema di comunicazione tra i due organi).

La ricerca suggerisce che i benefici per la salute legati all’assunzione di psicobiotici, ossia probiotici attivi sulla psiche, vadano oltre i disturbi intestinali. Alcune molecole prodotte dal microbiota intestinale, infatti, hanno dimostrato funzioni neuroattive; coinvolte nella modulazione dei segnali neuronali, influenzano i sintomi neurologici e psichiatrici come il sonno, l’appetito o l’umore.

I probiotici sono quindi stati proposti come misure preventive e terapeutiche, con lo scopo di ripristinare la composizione e la funzione salutare del microbiota intestinale per disturbi fisici e mentali.

La ricerca sui tipi di probiotici che hanno funzione di psicobiotici, è ancora in corso per individuare tutti i ceppi specifici che hanno effetto sul sistema nervoso e per definire quali siano i loro specifici effetti, ma ne sono stati individuati alcuni attivi ed efficaci tra questi Lactobacilli e i Bifidobatteri.

psicobiotici

Come agiscono gli psicobiotici?

Gli psicobiotici garantiscono livelli ematici di serotonina più alti grazie al mantenimento di una buona omeostasi del microbiota. La serotonina, oltre a regolare la motilità e le secrezioni intestinali, viene definita ormone del buonumore. Alcune specie dei ceppi sopracitati come Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei e Bifidum Batterium hanno mostrato un miglioramento significativo dei sintomi depressivi.

Riducono la formazione di citochine, molecole prodotte in risposta all’azione infiammatoria, che sono in grado di modificare il normale comportamento delle altre cellule. L’assunzione di probiotici induce quindi un effetto antinfiammatorio, riducendo anche i disagi psicologici legati alla condizione di malessere.

Hanno effetti sulla risposta del corpo allo stress modulando la produzione di cortisolo, sostanza secreta dal nostro corpo, nello specifico dalle ghiandole surrenali, chiamato anche ormone dello stress.

Ne consegue che l’assunzione di probiotici combinati, soprattutto per i ceppi anche ad azione psicobiotica, ha un effetto benefico sull’organismo ed è molto importante per garantire un miglior equilibrio psicofisico.

Fonte articolo:

Bacterial neuroactive compounds produced by psychobiotics https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24997036

Psychobiotics: An emerging probiotic in psychiatric practice https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27621125

Psychobiotics and the Manipulation of Bacteria–Gut–Brain Signals https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5102282/

Effects of probiotics on gut microbiota: mechanisms of intestinal immunomodulation and neuromodulation https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3539293/

Video

Mbenessere TV

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter