Pelle

Esposizione solare, l’importanza degli antiossidanti per la pelle

esposizione-solare

Arriva l’estate e la voglia di tintarella bussa. Ma attenzione: una scorretta esposizione al sole può determinare un aumento di radicali liberi, una delle principali cause dei danni alla pelle. Proteggere la cute dall’effetto nocivo dell’esposizione solare è possibile grazie all’adozione di semplici accorgimenti, come l’apporto di un’alimentazione ricca di antiossidanti, l’uso di creme solari adeguate al proprio fototipo e abitudini corrette.

Esposizione solare e danni alla pelle

L’insieme delle reazioni metaboliche che avvengono nel nostro organismo porta alla formazione di molecole instabili responsabili dello stress ossidativo: i radicali liberi. Oltre ai fattori endogeni, la formazione dei radicali liberi è legata a numerosi fattori esogeni, come stress, fumo, alcol ed esposizione solare [raggi ultravioletti (UV)].

La pelle possiede strategie fisiologiche efficaci per la protezione contro i raggi UV. Si pensi ad esempio al processo di abbronzatura, che attraverso la formazione di melanina, previene la penetrazione degli UV negli strati profondi della pelle, sede in cui sono situate le cellule staminali, essenziali per rinnovo dell’epidermide.

Tuttavia, una scorretta esposizione solare è in grado di produrre danni maggiori alla nostra cute, causando alterazioni delle strutture cellulari, come quelle a carico delle membrane plasmatiche e del DNA. L’insieme di tali danni è responsabile dell’invecchiamento precoce della pelle (photoaging o fotoinvecchiamento), ma anche di patologie serie, come il melanoma.

Proteggiamoci mangiando: gli antiossidanti

Gli antiossidanti sono molecole capaci bloccare le reazioni a catena innescate dai radicali liberi, inibendo in tal modo altre reazioni di ossidazione.

Diversi sono gli antiossidanti sintetizzatiti dalle nostre cellule: un classico esempio è il glutatione (considerato uno degli antiossidanti più efficaci), ma esistono altre sostante che svolgono la stessa funzione come l’ubichinolo.
Durante l’estate, periodo in cui la nostra pelle è più esposta alla luce solare, in soli antiossidanti endogeni non sempre bastano a garantire una protezione efficace dai danni provocati dai raggi UV. Ecco perché in questo periodo è bene introdurre gli antiossidanti nel nostro organismo da fonti esogene.

Una buona parte di antiossidanti è assunta con gli alimenti, quali frutta, verdura, pesce, latte e latticini. Si tratta perlopiù di vitamine, in particolare la vitamina C, la vitamina E e la vitamina A, e di minerali, come rame, zinco e selenio e da altri nutrienti. Pertanto, una dieta sana ed equilibrata, ricca di antiossidanti è un alleato potente per il benessere della nostra pelle.

esposizione-solare

Le vitamine

La vitamina C (nota anche come acido ascorbico), è una molecola idrosolubile ed è considerata uno fra gli antiossidanti più potenti in natura. Questa vitamina svolge numerose funzioni nel nostro organismo: protegge le cellule dallo stress ossidativo; partecipa come co-fattore essenziale nella sintesi di proteine e ormoni; ha un ruolo nel metabolismo energetico e nel sistema immunitario.
A livello cutaneo, la vitamina C mantiene in attività il collagene, una proteina necessaria per la formazione del tessuto connettivo della pelle, ma anche dei legamenti e delle ossa. Inoltre, è coinvolta anche nella rimarginazione delle ferite e delle ustioni perché facilita la formazione del tessuto connettivo della cicatrice. Tra gli alimenti più ricca di vitamina C troviamo il succo di uva, kiwi, ribes, fragole, agrumi e melograno mentre negli ortaggi la troviamo nei peperoni, broccoli e cavolfiori.

La vitamina E è una molecola liposolubile e la sua azione è potenziata dal selenio. Questa vitamina esiste in diverse isoforme di tocoferoli e tocotrienoli. Ha una potente azione antiossidante perché protegge le cellule del nostro organismo dall’invecchiamento. In più migliora anche la circolazione sanguigna e prevenendo il rischio di malattie cardiovascolari in quanto contribuisce a mantenere il sangue fluido.

Le principali fonti alimentari di vitamina C sono gli oli vegetali (come olio di germe di grano, olio di mandorle o di girasole) e la frutta a guscio (come mandorle e nocciole), ma anche l’avocado, frutto sempre più utilizzato nella nostra alimentazione, ricco di vitamina E e vitamina C. Inoltre, è presente anche negli spinaci, negli asparagi e nei cereali integrali.

La vitamina A è una vitamina liposolubile presente sotto forma di retinolo negli alimenti di origine animale e sotto forma di carotenoidi nei cibi di origine vegetale. La vitamina A protegge e mantiene sana la pelle, i capelli e le mucose è utile nel trattamento dell’acne, dei foruncoli, e delle ulcere cutanee. Gli alimenti di origine animale più ricchi di vitamina A sono l’olio di fegato di pesce, il fegato dei mammiferi, i latticini e le uova.
Negli alimenti di origine vegetale, la vitamina A è presente sotto forma di provitamina, ovvero una sostanza in grado di trasformarsi in vitamina solo dopo l’ingestione e l’assorbimento da parte dell’organismo. Un esempio sono i carotenoidi, fra cui e il beta-carotene, costituente dei pigmenti gialli e arancioni di molti vegetali come carote crude, spinaci freschi, cavolo, broccoli, verze, aglio, olio di germe di grano, prezzemolo, tarassaco, crescione, zucca, cicoria, pomodoro, lattuga, ma anche frutta come melone, albicocca, pesca, arancia e anguria. I carotenoidi sono degli antiossidanti naturali e stimolano la proliferazione del tessuto connettivo della pelle. Possono, dunque, essere considerate molecole molto utili per contrastare l’invecchiamento cutaneo.

I minerali

I minerali antiossidanti si trovano nell’organismo sotto forma di tracce, per cui è importante ai fini della prevenzione e protezione della cute (e non solo) integrarli attraverso l’assunzione di cibi specifici. Tra i minerali antiossidanti più importanti ricordiamo:

Il rame.  Questo elemento è presente nella molecola di due inibitori di radicali liberi prodotti dall’organismo: la ceruloplasmina. Il rame partecipa inoltre ai processi di utilizzo della vitamina C.
Questo elemento è raramente carente in quanto presente in una vasta varietà di cibi, come l’orzo, l’avena, cacao amaro, lenticchie, molluschi, salmone etc.

Lo zinco. È uno dei componenti della superossido dismutasi (SOD), l’enzima che interviene nella difesa antiradicali dell’organismo, in particolare a livello delle membrane cellulari. Lo zinco è presente nei frutti di mare, nel pesce, nei cereali, nelle carni e in piccole quantità anche nelle verdure.

Il selenio. Rientra nella composizione delle glutatione perossidasi, enzimi che intervengono nel sistema di protezione contro i radicali liberi. Il selenio si trova nei cereali, nel pesce e nelle carni.

Altri consigli utili

Per una protezione efficace della nostra pelle contro gli effetti nocivi causati dall’esposizione solare oltre ad una dieta sana e ricca in antiossidanti, ricordiamo di introdurre alcune abitudini dettate per lo più dal buon senso:

  • Esporsi al sole con cautela e in maniera graduale
  • Evitare il sole nelle ore più calde
  • Utilizzare creme solari con un elevato fattore protettivo
  • Nelle ore più assolate, indossare maglietta, cappello e occhiali.

Benefici del sole

C’è da dire infine che l’esposizione al sole (con moderazione!) comporta una serie importate di benefici, come ad esempio:

  • Aumento della produzione di serotonina, l’ormone del benessere
  • Innalzamento dei livelli di melatonina, che contribuisce ad alleviare l’umore nero
  • Stimolazione e produzione della Vitamina D, essenziale per lo sviluppo e la crescita delle ossa e perché lo scheletro mantenga a lungo la sua robustezza
  • Allevia alcuni problemi della pelle con psoriasi ed alcuni tipi di dermatite.

 

Fonti bibliografiche:

– Frederic Flament, Roland Bazin, Sabine Laquieze, Virginie Rubert, Elisa Simonpietri, and Bertrand Piot. Effect of the sun on visible clinical signs of aging in Caucasian skin. Clin Cosmet Investig Dermatol. 2013; 6: 221–232.

– Douglas W. Wilson, Paul Nash, Harpal Singh Buttar, Keith Griffiths, Ram Singh, Fabien De Meester, Rie Horiuchi, and Toru Takahashi. The Role of Food Antioxidants, Benefits of Functional Foods, and Influence of Feeding Habits on the Health of the Older Person: An Overview. Antioxidants (Basel). 2017 Dec; 6(4): 81.

– Dejian Huang. Dietary Antioxidants and Health Promotion. Antioxidants (Basel). 2018 Jan; 7(1): 9.

– V. Lobo, A. Patil, A. Phatak, and N. Chandra. Free radicals, antioxidants and functional foods: Impact on human health. Pharmacogn Rev. 2010 Jul-Dec; 4(8): 118–126.

– M. Nathaniel Mead. Benefits of Sunlight: A Bright Spot for Human Health. Environ Health Perspect. 2008 Apr; 116(4): A160–A167.

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC

Video

Mbenessere TV

Approfondimenti

Domande e Risposte Glossario

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Social Media