Pelle

Come sconfiggere l’ipercheratosi cutanea e prendersi cura della pelle

ipercheratosi cutanea

L’ipercheratosi cutanea è la produzione eccessiva (da qui deriva il prefisso iper-) della cheratina, la proteina protettiva e dura che caratterizza lo strato più esterno della pelle chiamato strato corneo. La causa di questa produzione eccessiva di cellule epiteliali può essere dovuta a diverse ragioni:

  • Cause meccaniche (sfregamento e/o pressione)
  • Infiammazione, infezione
  • Malattie genetiche
  • Radiazioni solari
  • Prodotti chimici irritanti

Quando la pelle subisce questi “attacchi” si difende producendo strati supplementari di cheratina per proteggere le aree danneggiate della pelle.

ipercheratosi cutanea

Ipercheratosi cutanea, le zone più colpite

  • I piedi, soprattutto nella zona plantare del tallone e sotto i metatarsi e tra le dita
  • Le mani, nella zona palmare tra le falangi e le ossa dei metacarpi e, anche per le mani, tra le dita
  • Le ginocchia
  • I gomiti

In queste zone spesso le cause più comuni dell’ipercheratosi della pelle sono meccaniche quindi sfregamento, e pressione dovuti a sforzi da sport; ad esempio, sollevamento pesi o compiendo trazioni per le mani. Anche il contatto con indumenti dal tessuto duro come jeans o tessuti sintetici possono provocare irritazioni alle ginocchia e ai gomiti, come anche il cattivo appoggio del piede o di una calzatura inadeguata che sfrega o batte in un punto preciso del piede. Spesso anche le scarpe troppo strette o con tacchi troppo alti provocano la iperproduzione di cheratina e, di conseguenza, l’ispessimento dello strato corneo della pelle. Ed è proprio nella zona palmare e plantare che l’aggravarsi dell’ipercheratosi cutanea e la disidratazione e conseguente perdita di elasticità della pelle possono portare a duroni, calli e ragadi.

Curare l’ipercheratosi cutanea prendendosi cura della pelle

Innanzitutto, bisogna cercare di eliminare le cause cercando di indossare indumenti che non provochino irritazioni o sfregamenti eccessivi, calzare scarpe comode e per prevenire attriti e pressioni inserire nelle calzature appositi cuscinetti in gel o in gommapiuma nelle zone, utilizzare i guanti per le attività sportive più intense.

Se l’ispessimento della pelle invece è già in atto bisogna trattare le parti localmente, quindi con terapia topica a base di creme specifiche.

Le creme più indicate per curare ed eliminare questo disturbo, che, oltre ad un problema estetico, può portare a dolore e nel caso di ragadi anche sanguinamento, sono le creme a base di urea e olii naturali dalle proprietà emollienti ed idratanti.

  • L’urea è un principio attivo che viene usato come terapia topica nelle patologie dermatologiche per condizioni associate a secchezza, perdita di elasticità, desquamazione e ispessimento della pelle, ossia ipercheratosi cutanea. È un potente agente emolliente e cheratolitico che viene usato in diverse concentrazioni a seconda del tipo di patologia da affrontare e risolvere. Diversi studi comprovano l’efficacia dell’urea sia in regime di monoterapia che associata a altre componenti che favoriscono l’idratazione e il ristabilirsi della normale elasticità cutanea.
  • Olio di Jojoba che grazie al suo alto contenuto di esteri di cera permette la riparazione delle barriere cutanee alterate.
  • Burro di Karité stimola la produzione di collagene e migliora l’elasticità della pelle.
  • Olio di mandorle dolci, dalle proprietà emollienti ed elasticizzanti usato anche in gravidanza per prevenire le smagliature.

Nei casi più gravi quando l’ipercheratosi cronicizza e si trasforma in problemi dermatologici più complessi è sempre consigliabile rivolgersi a un medico specialista che prescriverà una terapia di farmacologica adeguata.

Fonti articolo:
– Urea: A Clinically Oriented Overview from Bench to Bedside http://jddonline.com/articles/dermatology/S1545961616P0633X
– Anti-Inflammatory and Skin Barrier Repair Effects of Topical Application of Some Plant Oils https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5796020/

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC

Video

Mbenessere TV

Approfondimenti

Domande e Risposte Glossario

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Social Media