Home > Mamma e Bambino > Articoli > Come lavare i capelli al neonato? I consigli per il tuo bambino
lavare-capelli-neonato

Pubblicato il 6 Dicembre 2019 | Ultima modifica il 31 Dicembre 2019

Mamma e Bambino

Come lavare i capelli al neonato? I consigli per il tuo bambino

Condividi:

Lavare i capelli a un neonato è un gesto naturale e da vivere con serenità, ma che può mettere in ansia le neo mamme, visto che la testa di un neonato è una delle parti più delicate sia per la conformazione del cranio del bambino, che presenta ancora le fontanelle aperte nei primi mesi di vita, sia per la sensibilità della sua cute.

Per facilitare la gestione di questo importante momento, è bene lavare i capelli del neonato insieme al bagnetto, tenendo presente dei piccoli e semplici accorgimenti. Di seguito quindi alcuni consigli pratici per lavare i capelli a un bambino piccolo.

Lavare i capelli del neonato: come fare?

Per lavare i capelli a un neonato non si può immergere la testolina nell’acqua, né tanto meno usare un getto d’acqua troppo forte. É molto più pratico versare l’acqua da un piccolo recipiente direttamente sulla sua testolina sostenendola con il braccio.

Bisogna poi fare attenzione alla temperatura dell’acqua che non dovrà essere né troppo calda, cosa che potrebbe scottare la cute del bimbo, né fredda per non spaventarlo. Quindi, dopo aver controllato che l’acqua sia tiepida, bisogna versarla con calma sul capo del bambino, evitando getti troppo forti e improvvisi.

Orsovit vitamine

Lavare i capelli ad un neonato: lo shampoo è necessario?

Lo shampoo si può ovviamente usare, anche se vista la consistenza del capello del neonato, non è strettamente necessario. I capelli di un neonato sono infatti molto sottili e destinati durante i primi mesi di vita a cadere per essere sostituiti dai capelli veri intorno all’anno d’età, che potranno anche avere un colore e un aspetto differenti rispetto a quando il bambino era neonato.

In ogni caso, se si sceglie di impiegare lo shampoo per lavare i capelli a un neonato, è importante che abbia un pH neutro e sia composto da ingredienti naturali per rispettare l’equilibrio della pelle e non provocare irritazioni agli occhi.

Lo shampoo va massaggiato con delicatezza e per sciacquare via il tutto è utile aiutarsi con una spugnetta morbida.

Una volta ben pulita la testa, se il bambino ha pochissimi capelli si possono lasciare asciugare naturalmente. Se invece ne ha tanti, si passa ad asciugare la testa con delicatezza aiutandosi con un asciugamano morbido tamponando delicatamente. In questo caso è possibile anche pettinarli con le spazzole apposite a setola morbida e usare il phon con un getto d’aria delicato.

Lavare i capelli al neonato: attenzione alle fontanelle

Ogni gesto, durante il lavaggio dei capelli al neonato, va compiuto con molta delicatezza e facendo attenzione alle fontanelle. Tutti i bambini appena nati hanno una fontanella nella parte centrale della nuca su cui non si deve assolutamente porre alcuna pressione, né insistere con un getto dell’acqua troppo forte. La testa è, infatti, una delle parti da maneggiare con più cura, evitando colpi e pressioni, perché le ossa del cranio del neonato non sono ancora saldate.

capelli-bambino

Lavare i capelli al neonato: la crosta lattea

Lavare i capelli ad un bambino che presenta crosta lattea necessita di qualche accorgimento ulteriore. La crosta lattea è una forma di dermatite seborroica abbastanza comune nei neonati che si presenta già nelle prime settimane di vita. I sintomi sono visibili ad occhio nudo: la crosta lattea si manifesta con squame di colore giallo sulla testa che scompaiono intorno ai sei mesi.

Se il neonato ha la crosta lattea, è meglio non lavargli i capelli troppo spesso per non aumentare l’infiammazione, limitandosi quindi a due/tre lavaggi alla settimana. Per aiutare la cute del bambino, è meglio adottare un detergente a base oleosa o uno shampoo ad hoc. Importante è non cercare di grattare via le crosticine, cosa che potrebbe peggiorare l’irritazione: quindi è consigliato usare una spazzola a setole morbide per aiutare il distacco delle crosticine ma senza insistere.

Fonti:

https://www.sip.it/wp-content/uploads/2017/10/01D-Cutrone.pdf

http://www.ospedalebambinogesu.it/dermatite-seborroica#.Xa2ZPJMzb-Y

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Mamma e Bambino

Orsovit

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >