Home > Mamma e Bambino > Articoli > Gli sport adatti ai bambini? Ecco quale scegliere per la loro crescita
quale-sport-scegliere-per-i-bambini

Mamma e Bambino

Gli sport adatti ai bambini? Ecco quale scegliere per la loro crescita

Condividi:

Sempre più spesso i genitori optano per far praticare degli sport fin da piccoli ai loro figli. Ormai è, infatti, riconosciuto che lo sport fa bene alla crescita psicofisica del bambino, soprattutto per controbilanciare uno stile di vita troppo sedentario: dopo otto ore seduti al banco di scuola i bambini che non fanno sport tornano a casa per svolgere i compiti, poi cena e a letto, senza alcuna possibilità di movimento.

Dal punto di vista della crescita dei bambini, lo sport è, dunque, fondamentale non solo perché così si irrobustisce la muscolatura, fortificando ossa e legamenti, ma anche perché previene dai rischi di obesità e da eventuali problemi cardiovascolari e di diabete che potrebbero sorgere nel tempo.

Inoltre, per quanto riguarda l’aspetto psicologico, praticare sport fin da bambini affina le abilità psicomotorie e incentiva le capacità relazionali del bambino che impara a condividere momenti e passioni insieme agli altri rispettando regole e disciplina. Lo sport, poi, è un buon modo per imparare a gestire l’ansia da prestazione e razionalizzare la sconfitta.

Orsovit vitamine

Come scegliere lo sport per il proprio bambino

La gamma di attività sportive proposte ai bambini adesso è davvero ampia, ma quali sono gli sport più adatti ai bambini? Scegliere tra le diverse e numerose proposte non è sicuramente facile, perché ci sono tanti aspetti da valutare. Alla base di un sano rapporto con lo sport, c’è la scelta del bambino: è lui che deve poter indicare quale sport desidera praticare. Uno sport imposto verrà vissuto di malanimo e dunque ben presto il bambino si stuferà e non parteciperà volentieri alle lezioni.

Quando ci si trova a dover pensare a quale sport scegliere per il proprio figlio, bisogna sempre, prima di tutto, tenere in grande considerazione le aspettative e richieste del bambino. In seconda battuta, ovviamente, l’età del bambino diventa una discriminante importante per capire quali sport sono adatti e quali no.

sport-piccoli-crescita

Quale sport scegliere per i bambini in base all’età

Far fare movimento ai bambini è sempre importante anche quando sono molto piccoli: ovviamente al di sotto dei tre anni di età non è possibile iscrivere il proprio figlio a un vero e proprio sport. In questa fascia di età quello che più conta è far vivere il bambino il più possibile all’aria aperta così da rafforzare il suo sistema immunitario e aiutarlo nell’affinare la coordinazione. Nella fascia di età tra gli 0 e i tre anni gli sport adatti ai bambini sono i corsi di psicomotricità e acquamotricità dove i bambini prendono consapevolezza del proprio corpo e dello spazio circostante.

Dopo i tre anni di età e fino ai sei, la scelta si fa più ampia: non sono ancora indicati veri e propri sport, ma corsi propedeutici in cui il bambino fa prevalentemente esperienza dello stare in squadra, di piccole regole, aumentando la sua autonomia. I movimenti richiesti devono essere bilanciati in base alle capacità di equilibrio del bambino, che ovviamente non sono ancora del tutto definite, alla sua resistenza e capacità di attenzione.

Dai sei anni in avanti, gli sport praticati dai bambini diventano più strutturati e il ventaglio di scelta si fa davvero ampio: si va dal calcio, alla pallavolo, al basket, per passare al judo, al nuoto o alla ginnastica artistica, solo per nominarne alcuni. Ovviamente tutti questi sport sono svolti ancora in modalità non agonistica perché il fisico del bambino non può sopportare ancora carichi e sforzi prolungati. Bisognerà aspettare la prima adolescenza, verso i dodici anni, per passare all’agonismo.

Sport e fabbisogno energetico nel bambino

Più il bambino prosegue nell’attività sportiva, più con il tempo gli allenamenti si fanno comunque più intensi, spesso con obiettivo la partecipazione a una gara, a partite con altre squadre o ad un obiettivo preciso, come la realizzazione di un saggio di danza o di ginnastica artistica. Per decidere quale sport scegliere, occorre tenere conto che il bambino, deve avere le energie sufficienti per affrontare le prestazioni sportive: l’alimentazione, dunque, diventa fondamentale per fornire al bambino il corretto fabbisogno energetico di cui ha bisogno. In particolari periodi in cui è richiesto un maggiore impegno sportivo e di pari passo occorre mantenere l’attenzione e la concentrazione per l’attività scolastica, è consigliato assumere integratori alimentare per bambini a base di Vitamine A, C, B12, B6, D e acido folico che contribuiscono al normale funzionamento del sistema immunitario e Biotina, Niacina, Vitamine C, B12 e B6 per mantenere il normale metabolismo energetico.

Fonti

http://www.ospedalebambinogesu.it/attivita-fisica-e-sport-in-eta-pediatrica#.XkwgZC2h3q0
https://www.sip.it/2017/09/25/sport-e-bambini-istruzioni-per-luso/

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Mamma e Bambino

Orsovit

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >