Mamma e bimbo

Cistite e gravidanza: ecco i rimedi naturali

cistite e gravidanza

La cistite è un’infiammazione delle basse vie urinarie i sintomi principali sono bruciore, stimolo ad urinare spesso e dolore durante la minzione specie nella fase finale.

È solitamente di origine batterica, molto raramente virale o fungina. Frequentemente è determinata dall’Escherichia Coli, un batterio normalmente presente nell’intestino che può proliferare interessando anche parte degli organi genitali e delle vie urinarie. La cistite colpisce più le donne che gli uomini, a causa della diversa conformazione anatomica ed in gravidanza il rischio di contrarre questa infezione è ancora maggiore. Ecco perché il ginecologo prescrive alla futura mamma di routine ogni mese un esame delle urine.

Lactoflorene Cist

Cause che aumentano il rischio di cistite in gravidanza

I fattori che facilitano l’insorgere di cistite durante la gravidanza sono:

  • l’aumento di progesterone che provoca il rilassamento della muscolatura liscia della vescica, causando il ristagno urinario.
  • le accresciute dimensioni dell’utero che comprimono la vescica rendendo difficoltoso il completo svuotamento della vescica.
  • i fenomeni di stipsi che aumentano il livello di batteri intestinali, i quali facilmente possono arrivare anche alle vie urinarie.

cistite e gravidanza

Rimedi naturali alla cistite

Per evitare di contrarre questa infezione, ci sono alcuni rimedi naturali che puoi adottare:

  • mantenere un adeguato livello di idratazione bevendo minimo 2 litri d’acqua al giorno
  • Evitare gli zuccheri raffinati, pietanze piccanti, come il peperoncino, o molto speziate, salumi e salse, formaggi, alcool e cibi troppo zuccherati in modo da mantenere un buon equilibrio intestinale.
  • mangiare verdure ricche di acqua a foglia verde e alimenti a base di fibre e cereali integrali, la frutta fresca e la verdura di stagione
  • bere succo di mirtilli (questi frutti rossi infatti hanno note proprietà antinfiammatorie) e tisane alla malva con aggiunta di calendola
  • preservare un’adeguata pulizia intima

Nel caso l’esame delle urine mostrasse la presenza di un’infiammazione, il ginecologo suggerirà l’antibiotico da assumere dopo aver richiesto l’antibiogramma.

Video

Mbenessere TV

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter