Pelle

Idratare la pelle, le buone abitudini da tenere a mente

idratare-pelle

La pelle, o cute, è l’organo esterno che ci avvolge, protegge e condiziona il nostro aspetto. Avere una pelle idratata, sana e luminosa è uno degli obiettivi più ambiti ma anche tra i più difficili da ottenere.

Molti sono i fattori che possono compromettere il benessere della pelle, come ad esempio: condizioni climatiche (sole, vento, freddo, inquinamento), diete squilibrate e uno stile di vita poco sano (alcool, fumo, poco riposo), stress, malattie e invecchiamento fisiologico. Tutte queste cause provocano disidratazione e secchezza della pelle del viso e del corpo. Anche l’uso di detergenti troppo aggressivi può contribuire a disidratare la cute.

Quali sono le buone abitudini per prenderci cura della pelle del viso e del corpo e mantenerla sana?

Scarica la guida

Idratare la pelle naturalmente

Questo perché siamo fatti per circa il 70% di acqua, la cui quantità nel nostro organismo diminuisce gradualmente con l’aumentare dell’età. Una pelle secca e arida è più soggetta all’insorgenza di rughe e segni d’espressione.

Idratare la pelle significa restituirle delle preziose sostanze che spesso vanno perdute durante la normale igiene, e anche aggiungere elementi fortificanti e nutrienti capaci di portare la pelle ad avere un aspetto sempre giovane, luminoso e sodo.

Molti sono i rimedi naturali che possono aiutare ad avere la pelle del viso e quella del corpo idratate e sane, come ad esempio:

L’olio extravergine d’oliva a uso cosmetico, grazie al suo ricco contenuto in vitamina A, C, B, E e B12, ridona anche alle pelli più secche una profonda idratazione. Inoltre, le proprietà decongestionanti di questo preziosissimo olio lo rendono ideale per il trattamento di piccoli eritemi solari. Spalmato sulla pelle, l’olio extravergine d’oliva è in grado di formare un film naturale che riduce la perdita d’acqua e controlla efficacemente la desquamazione. In più, i grassi contenuti nell’olio d’oliva si fondono perfettamente con il sebo cutaneo andando a ripristinare il mantello idrolipidico, compromesso dalle “fatiche” estive o da una lunga esposizione ai raggi solari.

Il miele ha note proprietà antiossidanti e antibatteriche e favorisce la rigenerazione della pelle. Applicato su una scottatura, ad esempio, idrata la lesione e accelera la guarigione.

– L’olio di mandorle dolci, che per le sue proprietà idratanti è un ottimo rimedio per contrastare la secchezza della pelle del corpo .

– L’aloe vera evita la disidratazione della pelle, tipica del post-esposizione solare. Un ottimo dopo-sole naturale è costituito dal gel di aloe vera. Dopo una giornata al mare, fate la doccia e spalmate del gel di aloe sul viso, collo, braccia e tutto il resto del corpo.

– L’olio di cocco è un ottimo idratante e nutriente per la pelle, da applicare dopo ogni doccia per nutrire la pelle del corpo e del viso, per lenire eventuali scottature solari e per prevenire l’invecchiamento causato dai radicali liberi. 

Tra gli accorgimenti da attuare, non dimentichiamo la protezione dai raggi solari. Infatti, soprattutto durante i mesi estivi, aumenta l’esposizione della nostra pelle ai raggi ultravioletti, in grado di penetrare negli strati più sottostanti dell’epidermide e accelerare quindi i processi d’invecchiamento cutaneo (photoaging). Per evitare che il sole rovini la pelle, oltre a proteggersi con i filtri solari (non solo d’estate, ma durante tutto l’anno) occorre non esporsi al sole nelle ore più calde. Inoltre ricordando che più si sale di quota più il sole penetra nella pelle, quindi è importante utilizzare la protezione solare anche in montagna. Il sole ovviamente fa anche bene, aiuta l’umore e sintetizza la vitamina D.

idratare-la-pelle

Idratare la pelle dall’interno

Per prevenire o curare una pelle disidratata  è importante agire dall’interno. In questo modo, ogni trattamento topico sarà molto più efficace e completo.

Sì, quindi, ad un’alimentazione corretta ed equilibrata e all’assunzione di alimenti ricchi d’acqua e di principi nutritivi come:

  • Vitamina C, fondamentale per la crescita e la protezione dagli effetti dannosi dell’inquinamento atmosferico e dalla foto-ossidazione causata dai raggi UV. Inoltre, questa preziosissima molecola è coinvolta nella sintesi del collagene, la cui presenza nel tessuto sottocutaneo previene il rilassamento della pelle. Gli alimenti ricchi di Vitamina C sono kiwi, fragole, agrumi, melone, peperoni, asparagi, broccoli, spinaci, ed erbe aromatiche.
  • Vitamina A, potente antiossidante in grado mantenere l’integrità, l’elasticità e l’idratazione della cute. È presente in uova, latte e derivati e nei vegetali gialli-arancione e a foglia verde (carote, zucca, melone, broccoli, spinaci, peperoni, zucca, arance, albicocche).
  • Vitamina E, in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi. È presente in: olio extravergine di oliva, germe di grano, oli monoseme, frutta secca a guscio, pane integrale.
  • Minerali (come potassio, selenio e zinco), che rivestono un importante ruolo nella sintesi delle fibre del sottocute, donando elasticità e compattezza alla pelle. L’apporto di questi elementi può essere introdotto attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdura, variando il colore dei vegetali più volte la settimana.

Per mantenere un adeguato stato d’idratazione della pelle, ricordiamoci di bere quotidianamente almeno due litri di acqua al dì, in modo da fornire alle cellule il trasporto delle sostanze nutritive e l’eliminazione di residui metabolici e le tossine.

Infine, cerchiamo di assumere uno stile di vita sano, rinunciando all’abuso di alcol e al fumo, entrambi responsabili di danni generali al nostro organismo. A livello cutaneo, il primo causa una disidratazione profonda della pelle, accelerando la couperose, producendo radicali liberi e accelerando l’invecchiamento non solo la pelle del viso, ma dell’intero organismo. Il secondo, invece, provoca un colorito spento e una mancanza di luminosità, velocizza la comparsa delle rughe, soprattutto quelle intorno alla bocca per via del movimento che i muscoli facciali fanno quando si fuma. Il fumo produce inoltre i radicali liberi e vasocostrizione che può causare modifiche al tessuto connettivo, all’elastina e al collagene presenti nel sottocute.

Fonti dell’articolo

Vaughn AR1,2, Clark AK1, Sivamani RK1,3, Shi VY4. Natural Oils for Skin-Barrier Repair: Ancient Compounds Now Backed by Modern Science. Am J Clin Dermatol. 2018 Feb;19(1):103-117. doi: 10.1007/s40257-017-0301-1.

Li L, Hwang E, Ngo HTT, Seo SA, Lin P, Gao W1, Liu Y, Yi TH. Ribes nigrum L. Prevents UVB-mediated Photoaging in Human Dermal Fibroblasts: Potential Antioxidant and Antiinflammatory Activity. Photochem Photobiol. 2018 Sep;94(5):1032-1039. doi: 10.1111/php.12938. Epub 2018 Jun 19.

Lin TK, Zhong L, Santiago JL. Anti-Inflammatory and Skin Barrier Repair Effects of Topical Application of Some Plant Oils. Int J Mol Sci. 2017 Dec 27;19(1). pii: E70. doi: 10.3390/ijms19010070.

Guida: Idratare la pelle, le buone abitudini da tenere a mente

Video

Mbenessere TV

Approfondimenti

Domande e Risposte Glossario

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Social Media