Benessere occhi

Palpebre arrossate e gonfie? Scopri le cause e i rimedi

palpebre arrossate e gonfie

Spesso si dà poca attenzione alle palpebre, mentre sono la parte più delicata del nostro viso e svolgono l’indispensabile funzione di proteggere l’occhio dalla luce e dai traumi e di assicurare una costante lubrificazione della cornea. È proprio grazie al loro movimento che polvere e corpuscoli estranei vengono costantemente respinti.

Afomill Gocce Oculari

Le palpebre si possono arrossare a causa di un’infiammazione o di un accumulo di liquido nei tessuti che circondano l’occhio, un disturbo che può diventare anche molto doloroso.

Andiamo ora ad analizzare più nel dettaglio quali sono i sintomi, le cause e i rimedi delle palpebre arrossate e gonfie.

Sintomi delle palpebre arrossate e gonfie

È sempre opportuno conoscere i sintomi associati alle palpebre arrossate perché, se trascurato, potrebbe portare a conseguenze anche pericolose per la nostra vista.  

Nella maggioranza dei casi, dolore, arrossamento e gonfiore palpebrale suggeriscono che siamo di fronte a un’infezione che può colpire sia la parte superiore che inferiore del bulbo.

In sintesi, i sintomi più comuni possono essere:

  • occhi rossi, bruciore, irritazione e prurito (soprattutto in presenza di una reazione allergica)
  • dolore, arrossamento, calore e gonfiore (soprattutto in presenza di un’infiammazione o un’infezione)
  • eccessiva lacrimazione
  • presenza di pus e crosticine intorno alle palpebre
  • vista ridotta (a seconda dell’estensione del gonfiore)
  • sensazione di avere un corpo estraneo nell’occhio
  • eccessiva secchezza delle palpebre
  • gonfiore anche di parte del viso
  • eventuale perdita delle ciglia
  • comparsa di febbre

Cause delle palpebre arrossate e gonfie

Possono essere numerose le cause che provocano questo disturbo, variando da infezioni, infiammazioni, traumi, allergie, fino ad arrivare anche a patologie più gravi (come la cellulite orbitaria e  l’herpes oculare).

Spesso anche un uso inappropriato delle lenti a contatto, l’esposizione prolungata ad agenti atmosferici (sole, vento, smog), la presenza di polveri o corpi estranei, la stanchezza per la lunga permanenza davanti a video o computer, la salsedine e il cloro possono provocare arrossamento, bruciore, irritazione e affaticamento.

palpebre arrossate e gonfie

Rimedi delle palpebre arrossate e gonfie

La cura più adatta dipende in primo luogo dalla causa: quando il disturbo è lieve si può ricorrere a rimedi casalinghi come impacchi freddi oppure a medicinali da banco come colliri a base di acido ialuronico, o di estratti naturali di camomilla, calendula, finocchio o malva, ingredienti che hanno azione calmante, decongestionante e lenitiva, alleviando stanchezza e affaticamento oculare.

In caso di allergia invece può essere necessario ricorrere a colliri più specifici o a farmaci antistaminici da assumere per via orale, mentre congiuntiviti e infezioni da herpes richiedono l’uso di antivirali, antinfiammatori o, in presenza di batteri, antibiotici.

Il parere dell’oculista o del medico di base è fondamentale quando il sintomo persiste o peggiora: questo disturbo infatti non va sottovalutato perché se non trattato correttamente e velocemente, può provocare anche seri disturbi della vista.

Aver cura e proteggere i nostri occhi è quindi estremamente importante perché rappresentano anche un indicatore del nostro stato di salute. Ecco alcuni consigli per mantenere gli occhi sani:

  • evitare di strofinare eccessivamente gli occhi
  • rimuovere sempre le lenti a contatto
  • rimuovere accuratamente cosmetici come mascara, eyeliner e ombretti
  • curare l’igiene degli occhi
  • evitare i detergenti troppo aggressivi, preferire prodotti ipoallergenici
  • utilizzare eventuali impacchi freddi per attenuare il gonfiore, o gocce oculari a base vegetale

Come sempre non dimentichiamoci che la prevenzione rimane il metodo migliore per difendere e mantenere al meglio il nostro organismo.

Un’alimentazione equilibrata aiuta a mantenere gli occhi in salute grazie ad anti ossidanti, acidi grassi omega 3, zinco, beta-carotene, vitamine C, D ed E contenute in frutta e verdura fresche, pesce, uova.

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC

Video

Mbenessere TV

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter