Colesterolo

Monacolina K: una statina naturale

monacolina K

Il Dott. Alberto Martina, docente di Comunicazione Nutraceutica all’Università di Pavia, spiega che cos’è la Monacolina K e quale può essere il suo utilizzo.

Cos’è la monacolina K?

La monacolina K è una sostanza in grado di mantenere normali livelli di colesterolo. Essa deriva dalla fermentazione del riso per merito di un microrganismo chiamato Monascus purpureus. La denominazione “purpureus” è dovuta al fatto che il riso diventa rosso e la monacolina K deriva proprio da questo riso rosso fermentato. La monacolina K può anche essere chiamata lovastatina.

Esiste un dosaggio ottimale della monacolina K?

Il dosaggio ritenuto ottimale dall’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare, che controlla anche tutto ciò che riguarda i nutraceutici, è di 10 mg giornalieri. Possono esistere in commercio anche altri dosaggi, ma quello di 10 mg giornalieri è il più efficace.

La monacolina K può avere effetti collaterali?

Come tutte le sostanze che funzionano che sono attive, oltre ad essere efficaci, possono esserci anche a volte degli effetti collaterali. Gli effetti collaterali indotti dalla monacolina K sono però meno frequenti, meno intensi e di durata molto inferiore rispetto a quelli indotti dalle statine.

Ti è piaciuto l'articolo?
* Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
* Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Ti è piaciuto l'articolo?
*Newsletter Voglio ricevere tutte le news di MBenessere!
*Privacy Policy Ho letto e accettato la Privacy Policy
  Informazioni commerciali Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali da Montefarmaco OTC
Lactoflorene colesterolo

Video

Mbenessere TV

Autori

Consulenti scientifici Blogger e specialisti

Iscriviti alla newsletter