Home > Mamma e Bambino > Articoli > Carenza di vitamine nei bambini: i 5 sintomi da tenere sott’occhio 
carenze-vitamine-bambini-sintomi

Mamma e Bambino

Carenza di vitamine nei bambini: i 5 sintomi da tenere sott’occhio 

Condividi:

Il vostro bambino vi sembra spossato, debole o presenta dei problemi fisici evidenti, come capelli fragili o gengive sanguinanti? Potrebbe trattarsi di una carenza di vitamine, nutrienti strategici per la corretta crescita del piccolo. Ecco cinque sintomi da tenere sotto controllo che potrebbero riportare a carenza di vitamine nei bambini.

Uno dei motivi per cui i medici incoraggiano i pazienti a consumare pasti equilibrati è garantire che ricevano tutte le vitamine e le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per mantenersi in salute. Questo vale anche per i bambini: quando il piccolo non ha una dieta variata e completa, potrebbe presentare una carenza vitaminica. Sfortunatamente, questo tipo di carenza può avere conseguenze gravi e a lungo termine. 

Osservando vostro figlio, credete che possa soffrire di una carenza di vitamine? I sintomi da tenere sotto controllo possono essere molti per questo motivo è sempre bene parlarne con il proprio pediatra.

Le carenze vitaminiche possono avere un profondo impatto sulla salute dei bambini, l’identificazione e la gestione tempestiva di questi squilibri può ridurre i loro effetti deleteri. 

In seguito agli esami e ai test prescritti per indagare la situazione, il pediatra potrà dare consigli mirati in merito agli aggiustamenti nella dieta e all’aiuto con validi integratori alimentari. 

Orsovit vitamine

Carenza di vitamine nei bambini, i sintomi

Congiuntivite e problemi alla vista

Vostro figlio si lamenta che fa fatica a vedere in condizioni di scarsa luminosità? Inoltre, ha gli occhi spesso secchi? Osservate se ha anche un problema di secchezza della pelle. Se così fosse, potrebbe riportare un deficit di vitamina A, che va a influire negativamente anche sul sistema immunitario. Per integrare la vitamina A, dovete incoraggiare il bambino a consumare latticini, uova, verdure a foglia verde e verdure di colore arancione, come peperoni e carote.

Gengive sanguinanti

Quando vostro figlio si lava i denti, vi accorgete spesso della presenza di sangue durante il risciacquo? Osservate le sue gengive: se sanguinassero in modo cronico, potrebbe trattarsi di una carenza di vitamina C. Per rifornire l’organismo di questa vitamina, basta introdurre frutta e verdura nell’alimentazione quotidiana, preferibilmente crude. Quale? Broccoli, kiwi, peperoni, ma anche arancia, pompelmo e mandarini sono prodotti ricchi di vitamina C. 

Mal di gola e raffreddore frequenti

Il vostro bambino è di salute cagionevole: molto spesso, infatti, presenta episodi di mal di gola con starnuti violenti e raffreddore. Anche in questo caso, la causa potrebbe essere un deficit importante di vitamina C, che può portare allo scorbuto, malattia dovuta proprio alla carenza di acido ascorbico. Questa può manifestarsi con sintomi come indebolimento muscolare e sistema immunitario poco efficiente.

integratore-bambini-vitamine-quali-prendere

Dolori alle ossa e ai muscoli

Tra i sintomi da carenza di vitamine troviamo anche i dolori intercostali o frequenti crampi muscolari. Non è da sottovalutare l’ipotesi di una carenza di vitamina D, la quale è pericolosa a livello osseo: essa infatti è importante per un apparato scheletrico forte e robusto. Troverete la vitamina D in molti alimenti, tra i quali cui latte, fegato, tuorlo d’uovo e pesce. Ma soprattutto è consigliabile tanta attività all’aria aperta: i raggi del sole, infatti, sono la fonte principale di vitamina D. Esponendo la pelle ai raggi ultravioletti B (UVB), il nostro organismo produce vitamina D. 

Perdita di capelli

Pettinando vostro figlio, vi siete accorti che perde molti capelli. Non solo, ha anche le unghie estremamente fragili e sfaldate. Potrebbe avere una carenza di vitamina B7 o biotina, oppure di vitamina B3. Se oltre ai capelli fragili, riscontrate anche frequenti dolori muscolari, affaticamento e crampi, allora potrebbe essere proprio questo il caso. Per rimediare a una carenza di queste due vitamine, consigliamo il consumo di pesce, carne, latticini, noci, tuorli d’uovo, spinaci, broccoli, banane, cereali integrali e verdure a foglia verde. 

Integratori di vitamine per i bambini

Come detto all’inizio, se un bambino assumesse una dieta variegata e completa non dovrebbe avere problemi di carenze vitaminiche. Tuttavia, vi sono dei casi particolari in cui il medico può consigliare ai genitori di provvedere a somministrare degli integratori di vitamine per bambini e sali minerali, come supplemento nutrizionale alla normale alimentazione.  

Certamente, gli integratori non dovranno andare a interferire con le terapie già in corso, qualora ve ne fossero, o con eventuali altre patologie già presenti nel piccolo paziente. 

In commercio esistono integratori di vitamine per bambini creati per le loro esigenze, come Orsovit Multivitaminico, un integratore alimentare sotto forma di orsetti gommosi, a base di Vitamine A, C, B12, B6 e acido folico, atte a promuovere un normale funzionamento del sistema immunitario, e di Biotina, Niacina, Vitamine C, B12 e B6, che contribuiscono al normale metabolismo energetico. Inoltre, la presenza di Vitamina D favorisce la normale crescita e lo sviluppo osseo nei bambini.

Fonti: 

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Mamma e Bambino

Orsovit

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >