Home > Mamma e Bambino > Articoli > Se i bambini sono irrequieti e tristi: capire le cause per aiutarli
bambini-irrequieti-cause

Mamma e Bambino

Se i bambini sono irrequieti e tristi: capire le cause per aiutarli

Condividi:

I bambini piccoli di solito sono iperattivi e pieni di energia. Ma quando questo può rappresentare un problema? E quali cause può avere?

Può capitare che i bambini piccoli siano spesso irrequieti e insieme tristi, a momenti alternati. E Sebbene la loro rumorosa vivacità possa essere stancante (per noi adulti), di solito non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Ma se questo comportamento diventa difficilmente gestibile dai genitori o dai coetanei, va sondato e regolamentato.

In cosa può consistere quest’iperattività? Potrebbero essere rumorosi, potrebbero non agire come viene loro imposto o avere difficoltà a stare fermi. Ma da cosa può dipendere? Ecco le possibili cause in questo utile e completo vademecum.

Orsovit vitamine

È normale che un bambino sia irrequieto? Quando ci si deve preoccupare?

Se vostro figlio è iperattivo potrebbe essere perché è solo un bambino. È fisiologico che i bambini (di tutte le età) abbiano molta energia.

I bambini in età prescolare, per esempio, possono essere molto attivi: spesso passano rapidamente da un’attività all’altra. Anche quelli più grandi e gli adolescenti sono energici e non hanno la stessa capacità di attenzione degli adulti.

Se però il comportamento iperattivo di vostro figlio causa regolarmente un problema in classe, con i compiti o con le amicizie e le relazioni, consultate il suo pediatra.

 Bambini irrequieti, le cause: potrebbe trattarsi di ADHD?

Quando si parla di bambini irrequieti in maniera eccessiva, le cause sono il primo punto da approfondire. È naturale chiedersi se l’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività, con predisposizione ereditaria) possa essere la causa dell’enorme riserva di energia di vostro figlio. Ma essere iperattivo non significa necessariamente che soffra di questo disturbo.

Fate attenzione a questi segnali:

  • Interrompe frequentemente le sue attività?
  • Ha problemi a seguire le istruzioni e organizzare le attività?
  • È smemorato?
  • È impaziente?
  • Parla spesso quando non è il suo turno?

Se vostro figlio ha l’ADHD, questi problemi si verificheranno per un lungo periodo di tempo, di solito a casa così come a scuola.

Tra le cause dei bambini irrequieti: troppo zucchero?

“Mio figlio ha mangiato tutte le caramelle nel sacchetto in dispensa e ora salta sui divani come un disperato e non so come spegnerlo!”: avete mai detto qualcosa del genere? Molte persone pensano che ci sia un legame tra l’essere iperattivo e il mangiare zucchero, ma la ricerca non lo conferma. Diversi studi hanno testato il comportamento e l’apprendimento nei bambini che avevano assunto zuccheri rispetto a chi si era alimentato con dei sostituti, ma non hanno riscontrato differenze.

Altri studi hanno scoperto che i genitori che pensano che i propri figli abbiano mangiato troppo zucchero sono più predisposti a classificare il loro comportamento come più iperattivo.

Questo non significa che sia una buona idea lasciare che vostro figlio mangi troppi alimenti zuccherati, ovviamente, ma eliminarli del tutto dalla sua dieta probabilmente non risolverà il problema.

bambini-tristi-zucchero-alimentazione-mbenessere

Bambini irrequieti: gli additivi alimentari fra le cause?

Quindi, lo zucchero non è una causa diretta dell’iperattività infantile. Ma i coloranti artificiali, le tinture o altri additivi potrebbero esserlo? Per la maggior parte dei bambini, la risposta è probabilmente no. Ma alcuni studi dimostrano che una piccola percentuale di bambini con ADHD può essere sensibile ad alcuni di questi additivi.

Se pensate che il vostro caso rientri tra questi, potreste provare una “dieta a eliminazione”. Eliminate le fonti di additivi artificiali come caramelle, bevande alla frutta, cereali dai colori vivaci e cibo spazzatura e vedete se notate qualche cambiamento nel comportamento.

In ogni caso, è consigliabile fare in modo che il bambino abbia un’alimentazione adeguata alla sua età: fornitegli tutte le vitamine e i sali minerali indispensabili per il suo accrescimento, anche aiutandovi con integratori specifici se necessario e dopo avere sentito il parere del pediatra.

Le vitamine B6 e B12, l’acido folico, la vitamina A e la vitamina C sono importanti per la corretta maturazione del suo sistema immunitario, la vitamina D per lo sviluppo del suo sistema immunitario e molte delle vitamine del gruppo B sono anche responsabili del mantenimento di un fisiologico metabolismo energetico. Una dieta troppo concentrata su alcuni cibi che ne esclude totalmente altri potrebbe causare stati di irritabilità e nervosismo.

Potrebbe essere il frastuono in casa a rendere irrequieti i bambini?

A volte troppo rumore in casa può rendere difficile il relax del bambino. Per esempio, troppi conflitti familiari, come le discussioni, possono causare stress. Allo stesso modo possono agitarlo programmi tv caotici e mancanza di sonno.

Quindi cercate di mantenere l’atmosfera il più calma possibile. E lasciate un posto in agenda per il tempo in famiglia. A volte, un bambino che si comporta in modo iperattivo ha bisogno di un po’ di tempo di qualità vicino a mamma o papà. Rannicchiatevi sul divano con una coperta e leggete una fiaba insieme tutte le sere. Vedrete che l’atteggiamento cambierà.

I bambini possono essere irrequieti perché non fanno abbastanza esercizio fisico?

I bambini possono diventare irrequieti se non fanno abbastanza attività fisica per bruciare le loro energie. Iscriveteli alla squadra di calcio o di basket della città oppure andate a fare insieme una passeggiata o un’escursione nella natura. O ancora, una biciclettata in famiglia o coltivate l’orto in giardino. Fatelo stare all’aria aperta il più possibile.

Se come genitori siete preoccupati, tristi o stressati per problemi sul lavoro o di coppia, tendete a prestare meno attenzione ai figli, i quali potrebbero diventare rumorosi proprio per attirare la vostra attenzione.

È importante avere regole semplici su cosa è permesso e cosa no, in casa e fuori. Se sono coinvolti due genitori, entrambi devono essere d’accordo sulle regole ed essere coerenti e giusti quando dicono “no”. Questo aiuterà il bambino a sapere cosa ci si aspetta da lui e ad apprendere l’autocontrollo.

I problemi dell’udito possono rendere i bambini irrequieti?

L’otite adesiva, nota anche come “orecchio di colla”, è un esempio comune di un problema di udito. Si tratta di un’otite media cronica nella quale la membrana timpanica aderisce saldamente alle strutture anatomiche adiacenti. Da qui il nome. Se il bambino soffre di questo disturbo ha sicuramente un deficit uditivo e troverà difficile ascoltare ciò che dicono gli altri, quindi tenderà a gridare e o a tenere il volume degli elettrodomestici molto alto.

Irrequietezza: alcune soluzioni pratiche

Trascorrete del tempo con i vostri figli facendo qualcosa che piace loro. Stabilite una specie di routine e pianificate insieme cosa fare per la giornata o il fine settimana. È utile organizzare ritrovi con gli amici perché incoraggia lo sviluppo sociale dei bambini), coinvolgendoli in attività di gruppo o manuali (cooking class, partite al biliardino, a basket in giardino…), perché questo vi dà la possibilità di incontrare altri genitori che possono fornire una rete di supporto informale. Fate capire ai bambini quali sono i momenti in cui vi aspettate che giochino tranquillamente da soli.

Quando vostro figlio si comporta bene, secondo le regole prestabilite, lodatelo. Siate più chiari possibile. È fondamentale che capisca esattamente cosa ha fatto per farvi piacere. Per esempio, “Hai giocato da solo in modo tranquillo: bravo!” o “Che bravo calciatore sei”.

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Mamma e Bambino

Orsovit

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >