Home > Benessere Psicofisico > Ricette > Chia Pudding e benefici dei semi di chia
chia-pudding

Benessere Psicofisico

Chia Pudding e benefici dei semi di chia

Grazie  al suo elevato contenuto di elementi nutritivi, la chia è una pianta dalle eccezionali proprietà ed è giustamente annoverata tra i superfoods. 

La chia è una pianta floreale originaria del Messico; la pianta era coltivata dagli Aztechi in epoca precolombiana e si dice che i guerrieri aztechi traessero dai semi di chia la forza per vincere le battaglia. 

In quell’epoca i semi di chia erano una pianta molto importante in campo agroalimentare in quanto erano comparabili, in termini di rilevanza, al mais, ai fagioli e all’amaranto, tutti elementi che stavano alla base dell’alimentazione di civiltà come quella azteca. 

Curiosità: la chia può immagazzinare una quantità di liquidi fino a dodici volte il proprio peso, difatti i guerrieri prendevano in bocca una piccola quantità di semi e con la saliva o l’aggiunta di un po’ di acqua la provvista diventava più consistente. 

Caratteristiche botaniche e nutrizionali del Chia pudding

La chia appartiene alla famiglia delle labiate (Lamiaceae) e al genere Salvia. 

Si tratta di una pianta erbacea annuale che raggiunge un metro e mezzo di altezza, presenta fiori di colore celeste, porpora o bianchi e i semi sono disposti in gruppi di quattro e hanno un colore grigiastro con maculature irregolari di colore nero, bianco o rossastro; una libra di chia contiene fino ad 800.000 semi. 

Dal punto di vista nutrizionale i semi di chia sono considerati la principale fonte vegetale di acidi grassi omega-3, ovvero acidi grassi essenziali poiché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli autonomamente pertanto devono essere assunti necessariamente con l’alimentazione. 

Più del 30 % dei semi è costituito da acidi grassi, e di questo una parte compresa tra il 60 e il 64% è rappresentata da acidi grassi essenziali omega-3 in particolare l’acido alfa-linolenico (ALA). 

I semi di chia, inoltre, contengono anche il prezioso acido linoleico (LA), un acido grasso omega-6. 

Non esistono in natura altri semi oleosi nè un’altra pianta che contengano una quantità maggiore di questi acidi grassi, difatti essi insieme costituiscono l’82% del contenuto in grassi dei semi di chia. 

I semi di chia sono una fonte ricca di macronutrienti, micronutrienti e di fibre, in particolare sono ricchi di sali minerali come calcio, magnesio, ferro, potassio e zinco, vitamine del gruppo B , proteine (circa 17 grammi ogni 100) e acidi grassi essenziali; contengono, inoltre, numerosi antiossidanti come acido cloro genico e caffeico, quercetina e campferolo.

Chia pudding:i Benefici dei semi di chia

  1. Non contengono glutine e sono un ottimo alimento per i celiaci
  2. Hanno un elevato potere saziante grazie alla loro capacità di assorbire acqua. 
  3. Sono una delle principali fonti vegetali di calcio
  4. Rappresentano un alimento in grado di fornire un controllo sul livello di zuccheri presenti nel sangue. 
  5. Sono ricchi di antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali libero, contribuendo a rallentare i processi di invecchiamento cellulare. 
  6. Sono ricchi di fibre le quali promuovono il buon funzionamento dell’intestino. 
  7. Grazie al contenuto di acidi grassi omega-3 e omega-6 aiutano a controllare i processi infiammatori, a promuovere un buon sviluppo del sistema nervoso e a ridurre il rischio di disturbi cardiovascolari. 

Il chiapudding: come preparare la ricetta del budino con i semi di chia.

I semi di chia sono molto versatili e non hanno bisogno di cottura, si possono consumare crudi e questo è il modo migliore per godere di tutte le loro proprietà benefiche. 

Vengono utilizzati in tantissime ricette ma sicuramente, la più famosa è il chiapudding ovvero un budino a base di semi di chia.

Chia pudding: la ricetta light alla frutta

Ingredienti

  1. 15 gr di semi di chia
  2. 150 ml di latte di mucca o bevanda vegetale (soia, cocco, mandorla, riso, avena..) 150 ml 
  3. 100 gr di frutta fresca come ciliegie, pesche, kiwi, banana, prugne, albicocche, melone ecc. 
  4. 10 gr di cioccolato fondente > 75% 
  5. 1 cucchiaino di dolcificante: miele, sciroppo d’acero, sciroppo d’agave 

Procedimento

  • In un bicchiere versate i semi di chia ed il latte. 

I semi di chia sono molto piccoli e leggeri, pertanto tenderanno a venire a galla, dunque mescolate più volte con un cucchiaio per distribuirli nel latte in modo omogeneo.

  1. Aggiungete alla vostra preparazione un cucchiaino di miele o sciroppo d’acero o d’agave per dolcificare. 
  2. Aggiungete le spezie che desiderate, come cannella o vaniglia in polvere. 
  3. Lasciate riposare il composto in frigorifero tutta la notte.
  4. Servite aggiungendo frutta fresca, frutta secca, cioccolato, cocco disidratato o altro. 

I semi di chia quando vengono a contatto con un liquido si gonfiano e assumono una consistenza gelatinosa, questa loro caratteristica li rende preziosi in cucina, dove vengono impiegati in tantissime preparazioni che necessitano di un addensante, come le zuppe, i budini, le creme sono anche una valida alternativa alle uova nelle preparazioni di dolci.

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Benessere Psicofisico