Home > Benessere Psicofisico > Ricette > Gelato alla frutta fatto in casa: la ricetta light
gelato-alla-frutta-fatto-in-casa

Benessere Psicofisico

Gelato alla frutta fatto in casa: la ricetta light

Gelato alla frutta fatto in casa, senza gelatiera, una ricetta semplice, fresca e golosa per tutti.

Perfetto per l’estate come spuntino, merenda o dopo cena, ottimo per esaudire il desiderio di guastare qualcosa di goloso ma al contempo sano e per fare il pieno di fibre, vitamine e sali minerali. 

Le linee guida per una sana alimentazione ci consigliano il consumo di tre porzioni di frutta al giorno; il consiglio è valido per tutti: adulti, bambini, uomini e donne. Con questo gelato alla frutta fatto in casa sarà più semplice far consumare anche ai più piccoli frutta fresca di stagione.

Come fare il gelato in casa con frutta di stagione

Come fare il gelato con frutta di stagione? esistono diverse versioni con aggiunta di yogurt, latte o con sola frutta fresca.

Ecco la ricetta del gelato alla frutta fatto in casa:

  1. Scegliete la frutta fresca preferita (frutti di bosco, fragole, banana, pesca..)  mantenendo sempre la base di banana che renderà la preparazione più densa. 
  2. Lavate la frutta, sbucciatela e tagliatela in piccoli pezzi. 
  3. Ponete la frutta tagliata all’interno di un sacchetto e poi in freezer per almeno 2-3 ore.
  4. Una volta che la frutta risulterà congelata potrete preparare il vostro gelato.

Cosa vi occorre per preparare il gelato alla frutta fatto in casa? un frullatore ed il gioco è fatto.

  1. Versate nel frullatore/mixer la frutta congelata e frullate alla massima potenza fino a raggiungere la giusta consistenza. 
  2. Potete decidere di aggiungere un cucchiaio di yogurt bianco per renderlo ancora più cremoso. 
  3. Una volta pronto consumatelo subito, potete servirlo da solo o guarnendolo con ingredienti a piacere ad esempio: granella di frutta secca, scaglie di cioccolato fondente o di cocco disidratato. 

Gelato alla frutta: la versione senza zucchero e latte

Nella versione senza latte può essere consumato da tutti, è quindi perfetto per chi presenta allergia alle proteine del latte o intolleranza al lattosio. Inoltre non contiene zucchero aggiunto ma solo gli zuccheri naturalmente presenti nella frutta fresca. 

Dal punto di vista nutrizionale ha un apporto energetico medio-basso fornito prevalentemente dagli zuccheri semplici, mentre lipidi e proteine sono marginali.

Se non consumate subito il gelato alla frutta fatto in casa riponetelo in freezer: per 30 minuti rimane cremoso mentre successivamente tenderà ad indurirsi. 

Perché consumare frutta fresca di stagione

Oltre al suo potere idratante, gli effetti benefici del consumo di frutta dipendono anche dal fatto che alcuni loro componenti svolgono un’azione protettiva, prevalentemente di tipo antiossidante, che si esplica contrastando l’azione dei radicali liberi, i quali sono in grado di alterare la struttura delle membrane cellulari e del materiale genetico (il DNA), aprendo la strada a processi di invecchiamento precoce e a tutta una serie di reazioni che sono all’origine di diverse forme tumorali. 

È importante consumare tipi di frutta sempre diversi per potersi garantire un vasto pool di antiossidanti, vitamine, minerali e una buona quantità di fibra, sia solubile (presente soprattutto nella polpa) che insolubile (presente soprattutto nella buccia). 

L’estate ci offre un’ampia varietà di frutta fresca (anguria, melone, pesche, susine, albicocche, nespole, ecc..) ricca di acqua, vitamine e sali minerali importanti da reintegrare soprattutto in questa stagione; con le alte temperature e la sudorazione ne abbiamo maggiormente bisogno.

È fondamentale anche rispettare la stagionalità dei prodotti di origine vegetale; diversi studi evidenziano come i prodotti consumati nel corso della loro naturale stagione di maturazione abbiano delle proprietà nutritive superiori rispetto ad un frutto o verdura maturata al di fuori del proprio arco temporale ideale. In questo modo rispettiamo l’ambiente e apportiamo benefici all’intero ecosistema.

Le linee guida per una sana alimentazione prevedono un consumo di 3 porzioni di frutta al giorno (per un adulto circa 450 grammi complessivi). Ecco alcuni consigli per riuscire ad inserirle nella nostra dieta quotidiana:

  1. Aggiungetela a colazione, all’interno di yogurt bianco o sottoforma di spremute/centrifughe.
  2. Variatene la forma e consistenza: oltre alla frutta intera è possibile realizzare gustosi frullati o gelati.
  3. Aggiungetela ai pasti, ad esempio nelle insalate di verdure: finocchi e arancia oppure anguria, cetrioli e feta oppure lattuga, pesca e gamberetti oppure rucola, pera e parmigiano…

La frutta e la verdura hanno una bassa densità energetica, ossia forniscono poche calorie per unità di peso e di volume. In questo modo possono sostituire altri alimenti più calorici e contribuiscono ad un più precoce raggiungimento dell’indice di sazietà. 

Provate a realizzare il gelato alla frutta fatto in casa, un gelato furbo, veg, senza zucchero, senza glutine e senza latticini! 

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Benessere Psicofisico