Home > Benessere Psicofisico > Ricette > Ricetta spiedini light con cavoletti di Bruxelles
ricetta-cavoletti-di-bruxelles-light

Benessere Psicofisico

Ricetta spiedini light con cavoletti di Bruxelles

Condividi:

Cavoletti di Bruxelles e proprietà antitumorali: la nostra ricetta light

Gli spiedini di cavoletti di Bruxelles, sono un ottimo contorno colorato e sfizioso da accompagnare ad un secondo piatto a base di pesce, carne, uova, formaggi o legumi.

Ingredienti:

  • 350 grammi di cavoletti di Bruxelles
  • 2/3 carote di medie dimensioni
  • 4/5 pomodori
  • Paprika dolce
  • Scorza di un limone
  • Semi oleaginosi misti (zucca, girasole, sesamo, papavero)
  • Pangrattato
  • Sale q.b
  • Olio extravergine di oliva q.b

Procedimento:

  1. Per prima cosa pulite i cavoletti di Bruxelles sotto l’acqua corrente, eliminate l’estremità inferiore e le foglie più esterne.
  2. Lavate i pomodori, pelate le carote e tagliatele a tocchetti delle dimensioni di circa un centimetro.
  3. Formate gli spiedini inserendo in modo alternato le verdure.
  4. Disponeteli in una pirofila coperta da carta forno e condite i vostri spiedini con sale ed olio, paprika dolce, scorza grattugiata di un limone, pangrattato e semi oleaginosi misti (zucca, girasole, sesamo, papavero)
  5. Infornate a 200 gradi per 15 minuti e proseguite poi per altri 10 minuti in modalità grill fino a doratura.

Proprietà nutrizionali e benefici

I cavoletti di Bruxelles sono un ortaggio tipico della stagione invernale ed in Italia li troviamo da novembre a marzo.

Appartengono alla famiglia delle Brassicacea o Cruciferae, nota per le sue proprietà antitumorali e di cui fanno parte anche i loro parenti più grandi ovvero cavoli, cavolfiori e broccoli.

Dal punto di vista nutrizionale si tratta di un alimento mediamente ipocalorico, difatti in 100 grammi troviamo circa 40 kcal.

Sono ricchi di sali minerali ( in particolare ferro, rame, calcio, potassio, manganese e fosforo) ed un un’eccellente risorsa di vitamine in cui abbondano la vitamina A, le vitamine del gruppo B (in particolare l’acido folico vitamina B9), la vitamina C ed E.

In particolare l’acido ascorbico ovvero la vitamina C, oltre ad avere varie azioni ha anche un potente effetto antiossidante.

cavoletti-bruxelles-ricetta

Proprietà anti tumorali dei cavoletti di Bruxelles

Diversi studi hanno dimostrato che come un consumo regolare di alimenti ricchi di vitamina C può ridurre significativamente l’incidenza di diverse forme di cancro.

I cavoletti di Bruxelles sono una fonte di composti fenolici: i più importanti, presenti nelle Brassicacee, sono i glucosinolati da cui, per idrolisi da parte dell’enzima mirosinasi, si formano diversi prodotti bioattivi, in particolare gli isotiocianati.

Tali composti aromatici contengono zolfo e sono responsabili dell’odore non proprio gradevole che si sprigiona dai cavoli durante la cottura.

Tra gli isociocianati più studiati per le proprietà antitumorali viene ricordato il sulforafano, il quale si è dimostrato attivo contro i carcinomi della mammella, del colon, della prostata e contro il neuroblastoma.

Molti studi hanno confermato che il consumo regolare di cavoli, broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles gioca un ruolo fondamentale nell’ambito di un’alimentazione preventiva atta a ridurre il rischio delle due principali malattie degenerative maggiori cause di mortalità nei paesi industrializzati: cancro e malattie cardiovascolari.

Ricordatevi però di prestare particolare attenzione alla cottura: è stato evidenziato che la cottura prolungata in acqua bollente incide significativamente nella riduzione della quantità di glucosinolati.

Pertanto il mio consiglio, per una ricetta light e sfiziosa, è di utilizzare una vaporiera oppure stufare in padella o al forno i cavoletti di Bruxelles.

Fonti

https://www.mr-loto.it/cavolini-di-bruxelles.html
https://www.humanitas.it/enciclopedia/alimenti/verdure/cavoletti-di-bruxelles
https://www.melarossa.it/nutrizione/alimenti/cavoletti-di-bruxelles/

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Benessere Psicofisico