Home > Dolore > Articoli > Che cos’è la dispareunia femminile e quali sono le cure?
dispareunia-cure

Dolore

Che cos’è la dispareunia femminile e quali sono le cure?

Condividi:

Il termine dispareunia si riferisce al dolore provato prima, durante, o dopo i rapporti sessuali.

Si tratta di un disturbo prevalentemente, ma non esclusivamente, femminile che ha diverse possibili cause: fisiche, psicologiche o imputabili a fattori esterni temporanei come le infezioni batteriche. Ma che cos’è precisamente la dispareunia e quali sono le cure sono efficaci per questo disturbo?

La manifestazione caratteristica della dispareunia, che può essere episodica o cronica, è appunto il dolore, che può manifestarsi solo superficialmente, all’inizio della penetrazione, oppure anche in profondità, a livello delle pelvi, quando sono presenti cisti ovariche o di fibromi di grandi dimensioni. Nel caso di secchezza vaginale per carenza di estrogeni, come è tipico del periodo post-menopausale, il dolore sarà superficiale o limitato all’ingresso della vagina.

Il dolore può essere transitorio, oppure perdurare anche dopo il rapporto sessuale, fino a due o tre giorni. Spesso può essere accompagnato da bruciore e prurito a livello della mucosa vulvo-vaginale.

Non si tratta di un disturbo raro: secondo l’American College of obstetricians and gynecologists circa il 75% delle donne sperimenta almeno un episodio di dispareunia nella propria vita. Altre stime indicano che di dispareunia soffre in età fertile una donna su sette, quota che sale al 40% nella fase successiva alla menopausa.

Cos’è la dispareunia e quali sono le cause

La dispareunia è una condizione dolorosa associata ai rapporti sessuali. Le sue cause possono essere di varia natura. Oltre che d’infezioni vaginali o urinarie, la dispareunia può essere la conseguenza di malattie importanti, come endometriosi, malattia infiammatoria pelvica, malattie infiammatorie croniche intestinali (come la malattia di Crohn).

Tra le cause di dispareunia anche: prolasso uterino, cisti ovariche, fibromi, traumi da interventi chirurgici o da chemio/radioterapia, condizioni croniche come per esempio diabete o artrite, fino a eventuali traumi legati ad abusi e violenze. La presenza di una sindrome da dolore cronico, inoltre, con una iper sensibilizzazione del sistema nervoso, porta a una aumentata percezione degli stimoli dolorosi.

Il disturbo presenta un legame con i fattori che influenzano la libido, come lo stress con la tensione muscolare che ne deriva, la percezione dell’immagine corporea di sé, problemi relazionali, sentimenti di paura o colpevolezza nei confronti dell’atto sessuale. Anche i fattori psicologici hanno, infatti, un ruolo nella dispareunia: il timore della penetrazione può causare un’involontaria tensione di alcuni muscoli pelvici.

che-cos-e-la-dispareunia

Dispareunia: cure

Per un disturbo quale la dispareunia le cure, principalmente sintomatiche, sono oggi disponibili. La dispareunia può influire molto negativamente sia sulla qualità di vita della donna, sia sulla relazione di coppia. Esistono delle cure che possono risolvere o comunque migliorare la condizione.

Una visita ginecologica, eventualmente affiancata da una ecografia pelvica o da un tampone vaginale, permetterà di evidenziare eventuali condizioni, organiche o infettive, all’origine del problema.

La cura della dispareunia dipende dalla causa sottostante. Qualora il disturbo sia sostenuto da un’infezione il medico potrebbe consigliare farmaci antibiotici o antimicotici.

Se la causa è la secchezza vaginale potrebbero essere prescritti prodotti, in forma di ovuli o creme, in grado di fornire una bassa dose di estrogeni che migliori l’elasticità e la fragilità della mucosa. A questo scopo negli ultimi anni è possibile impiegare anche ospemifene, un farmaco da assumere per via orale, privo di estrogeni e appositamente studiato per la condizione post-menopausale, che si è dimostrato efficace nella riduzione della dispareunia.

Dispareunia: accorgimenti

Alcuni accorgimenti possono essere messi facilmente in pratica per alleviare il dolore connesso alla dispareunia. È importante avere cura dell’igiene intima e non utilizzare prodotti aggressivi o profumati, che possono alterare il pH fisiologico e irritare le mucose. Durante i rapporti sessuali, da evitare se la vescica non è vuota, fare uso di lubrificanti.

Il calore assume un ruolo importante, specie nelle forme di natura psicogena, che portano alla iper-contrazione della muscolatura. In questi casi può essere utile fare un bagno caldo prima di avere rapporti sessuali, o cercare di rilassare e scaldare la muscolatura pelvica. Sempre a questo scopo può essere utile praticare esercizi di respirazione. Importante anche la regolarità intestinale: la stitichezza, infatti, può peggiorare il problema.

Nei casi più severi, infine, possono essere prese in considerazione terapie di supporto psicologico o terapie sessuali. Soprattutto in questo caso, ma non solo, è fondamentale che la paziente abbia una relazione di fiducia con il proprio ginecologo.

Fonti

www.my-personaltrainer.it/sport/neurofisiologia-sport.html

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Dolore

Calmadol

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >