FAQ

Home > FAQ > Salute degli Occhi > Gli effetti del sole sugli occhi: cosa dobbiamo sapere
come-proteggere-gli-occhi-dal-sole

Gli effetti del sole sugli occhi: cosa dobbiamo sapere

Sole, aria calda o climatizzata, vento, sabbia, salsedine, sono alcune delle condizioni ambientali che caratterizzano le giornate estive e che possono essere causa di secchezza, arrossamenti e bruciori, rendendo l’estate una stagione impegnativa per i nostri occhi.

In caso di vento, caldo eccessivo o esposizione prolungata all’aria condizionata, la normale lacrimazione – responsabile della corretta lubrificazione dell’occhio – non riesce a garantire la sua funzione fisiologica e gli occhi tendono ad asciugarsi, accusando sintomi quali dolore, bruciore, arrossamento, sensazione di corpo estraneo nell’occhio, eccessiva sensibilità alla luce, affaticamento ed annebbiamento visivo.

Questa sintomatologia caratterizza solitamente quella che viene definita “sindrome dell’occhio secco” un disturbo frequente soprattutto d’estate (ne soffre un italiano su tre) causata proprio della riduzione della quantità del film lacrimale, che normalmente ricopre l’occhio, lubrificandolo e proteggendolo.

Come proteggere gli occhi dal sole: 3 modi sicuri

In estate, per prevenire la comparsa di bruciore o altri sintomi a carico degli occhi, protezione è la parola chiave: in città, al mare o in montagna è importante quindi utilizzare occhiali da sole di qualità – preferibilmente dal modello avvolgente e dotati di lenti con filtro UV certificato – che possano tutelare gli occhi dall’affaticamento, schermandoli dall’azione potenzialmente irritante dei fattori ambientali, dal sole della spiaggia e dall’aria condizionata che accompagna lunghi viaggi in auto.  

Anche se non se ne avverte la necessità, è fondamentale indossarli, anche quando si è esposti a luce indiretta, come avviene all’ombra, dove comunque gli occhi vengono raggiunti dai raggi ultravioletti. Particolarmente pericoloso il riverbero dei raggi solari su superfici riflettenti come la sabbia e il mare, che può colpire gli occhi in modo incisivo e prolungato.  

Anche per i lunghi viaggi in auto gli occhiali da sole dovrebbero essere un accessorio irrinunciabile, capace di proteggere gli occhi non solo dai raggi solari ma anche dagli effetti della ventilazione forzata che tendono a peggiorare la situazione favorendo la “sindrome dell’occhio secco”.

Per intervenire prontamente su secchezza e bruciore, potrebbe essere consigliabile avere sempre a portata di mano – in borsa, in valigia o in macchina – delle gocce formulate per prevenire la secchezza degli occhi, caratterizzate da proprietà idratanti e decongestionanti. Le formulazioni più innovative in commercio uniscono l’efficacia di ingredienti come l’acido ialuronico e l’ipromellosa – sostanze dotate di un’intensa e prolungata azione lubrificante, capaci di creare un velo protettivo sulla superficie dell’occhio – a quella di estratti vegetali ben noti alla tradizione erboristica per la loro azione lenitiva, rinfrescante e protettiva come la camomilla, l’aloe vera, la rosa canina, l’eufrasia e l’amamelide. Preferibile, ove possibile, scegliere prodotti che – grazie alle più sofisticate modalità di packaging e confezionamento – consentano di ridurre o evitare l’uso di conservanti, garantendo al contempo sia un elevato comfort nell’utilizzo che una durata prolungata del prodotto, anche dopo l’apertura della confezione. 

proteggere-gli-occhi-dal-sole-mbenesere

Scegliere occhiali e gocce per proteggere gli occhi dal sole

Pur utilizzando gli occhiali da sole è consigliabile – soprattutto al mare o in montagna – evitare di esporsi nelle ore centrali della giornata ed indossare un cappello con visiera, che contribuisce a potenziare la protezione dall’impatto dalle superfici riflettenti (acqua e sabbia) che possono amplificare l’impatto dei raggi solari sull’occhio.

Sempre a scopo protettivo, per evitare irritazioni e bruciori degli occhi durante l’estate, ma anche infezioni, causate dal contatto con l’acqua salata o con il cloro sarebbe opportuno indossare in acqua, sia in mare che in piscina, gli occhialini da nuoto o la maschera, soprattutto se si fa uso di lenti a contatto. 

In quest’ultimo caso è preferibile utilizzare durante l’estate lenti a contatto monouso: queste ultime non solo garantiscono ogni giorno un comfort elevato ma consentono di ridurre al minimo il rischio di infezioni. 

Dettaglio altrettanto importante è la pulizia: al mattino e alla sera è opportuno eliminare con cura pulviscolo e residui di trucco, completando eventualmente la routine di igiene occhi con l’applicazione di gocce oculari che restituiscano all’occhio il giusto grado di idratazione, allontanando eventuali corpi estranei. Il sollievo e la freschezza saranno immediati.

Salute oculare: proteggere gli occhi da agenti atmosferici

Ultimo, ma non per importanza, l’aspetto dietetico: a tavola è consigliabile fare il pieno di sali minerali e vitamine, grazie a frutta e verdura, che agiscono contrastando i danni che i radicali liberi possono produrre sul nostro organismo e contribuiscono quindi alla prevenzione degli stati infiammatori. 

Da prediligere, i vegetali dal colore blu, viola e arancione, ricchi di sostanze preziose per il benessere della pelle e degli occhi, come gli antociani ed i carotenoidi.  Frutta e verdura contribuiscono peraltro a integrare l’apporto di liquidi che deve essere maggiore durante l’estate, per compensare la sudorazione più abbondante.

Fonti: