Home > Intestino > Articoli > Come capire se le difese immunitarie sono basse: 4 segnali
come-capire-se-le-difese-immunitarie-sono-basse

Intestino

Come capire se le difese immunitarie sono basse: 4 segnali

Condividi:

Il sistema immunitario rappresenta per il nostro organismo un vero e proprio apparato difensivo, indispensabile per la protezione dagli agenti dannosi esterni come batteri, funghi e virus, e da quelli interni come le cellule tumorali. Si tratta di una sorta di barriera invisibile che ci aiuta e ci permette di ammalarci meno frequentemente, cercando di tenere alte le nostre difese naturali. Più precisamente, si parla di leucopenia quando nel sangue si presenta un valore di globuli bianchi inferiore a 4.000 cellule/mm³. Quest’ultimi svolgono un ruolo importantissimo, sono infatti il vero aiuto contro gli agenti patogeni: per questa ragione la leucopenia è direttamente correlata alle difese immunitarie basse. Capire se le difese immunitarie sono basse è fondamentale per il benessere del nostro organismo.

Per svolgere questa funzione di protezione, il sistema immunitario si compone di organi, tessuti e cellule che si attivano per proteggere il corpo da eventuali minacce che potrebbero danneggiarlo. Tuttavia capita spesso però, soprattutto in determinati periodi dell’anno, che si verifichi un abbassamento delle difese immunitarie e, nel momento in cui viene meno l’efficacia di questa protezione, il nostro organismo diventa più vulnerabile.

Lactoflorene difesa adulti

Come capire se le difese immunitarie sono basse: cause e sintomi

Come capire se le nostre difese immunitarie sono basse? E, soprattutto, per quale motivo le difese immunitarie si abbassano? Vediamo insieme cause e sintomi che possono generare un indebolimento della nostra barriera protettiva invisibile.

Cause

Possiamo distinguere tra cause patologiche e non patologiche. Tra le cause patologiche troviamo ad esempio: AIDS, tumori del sangue, mononucleosi e determinate malattie del midollo osseo. Tutte queste malattie derivano da una grave alterazione del sistema immunitario che, di conseguenza, genera una diminuzione significativa dei globuli bianchi presenti nel nostro organismo.

Le cause non patologiche, invece, derivano da fattori esterni legati anche alle abitudini e allo stile di vita di ciascuno di noi. Più precisamente rientrano in questa categoria:

  • stress: situazioni particolarmente stressanti possono indebolire le difese immunitarie, rendendo il nostro organismo un terreno fertile per virus o batteri
  • determinati farmaci: alcuni farmaci come antibiotici e chemioterapici riducono inevitabilmente le difese immunitarie
  • carenza di specifiche vitamine: la vitamina B12 e i folati sono fondamentali per una corretta ed equilibrata produzione di globuli bianchi

Cause legate a età, stile di vita e altre condizioni

  • età: l’età gioca un ruolo cruciale per quanto riguarda l’abbassamento delle difese immunitarie. Per i bambini piccoli è normale sperimentare episodi di debolezza del sistema immunitario; in quanto ancora non si è ancora sviluppato del tutto il meccanismo di produzione di globuli bianchi. Negli anziani, invece, l’invecchiamento del midollo osseo provoca un rallentamento nella produzione degli stessi.
  • ritmo alterato sonno-veglia: una vita sedentaria e problemi nel sonno potrebbero comportare un abbassamento delle difese immunitarie. Si consiglia infatti di cercare di mantenere uno stile di vita attivo e un riposo notturno di almeno 7-8 ore
  • gravidanza: in questo particolare periodo, il sistema immunitario della donna attraversa una fase di rimodulazione, che può transitoriamente generare una diminuzione delle difese immunitarie
  • cambi di stagione: bruschi sbalzi di temperatura rischiano di mettere a dura prova il nostro organismo che necessita di un riassestamento del proprio metabolismo energetico
  • abuso di alcol e fumo: molti studi sottolineano la capacità di fumo e alcol, per ragioni diverse, di indebolire le difese immunitarie, rendendo l’organismo più esposto alle infezioni

abbassamento-difese-immunitarie-mbenessere-cosa-mangiare

Sintomi delle difese immunitarie basse

È possibile capire se siamo di fronte a un periodo in cui le nostre difese immunitarie risultano particolarmente basse attraverso alcuni sintomi. Vediamo insieme alcuni segnali da non trascurare:

  1. influenza, raffreddore e mal di gola frequente: quando il raffreddore e il mal di gola sopraggiungono spesso e senza particolari motivazioni, potremmo essere di fronte a un abbassamento delle nostre difese immunitarie. In particolare, se il dolore alla gola rimane a lungo o va e viene per più di una volta al mese, prima di ricorrere a rimedi fai da te è bene consultare il proprio medico per valutare un’eventuale analisi più approfondita.
  2. costante sensazione di stanchezza, debolezza, dolori muscolari e difficoltà a concentrarsi: la stanchezza può essere causata da molti fattori. Quando però è persistente e, soprattutto, affiora fin dal risveglio, è un segno che il sistema immunitario è debole. A questa sensazione spesso si aggiungono anche fastidiosi dolori muscolari o articolari e un sonno discontinuo che porta come conseguenza la mancanza di lucidità e concentrazione durante la giornata.

Altri sintomi delle difese immunitarie basse

  1. sfoghi cutanei, herpes e allergie: sono tutte situazioni che trovano nelle scarse difese immunitarie dell’organismo un terreno estremamente fertile. In particolare le eruzioni cutanee sono un chiaro campanello d’allarme da non sottovalutare, in quanto la pelle è la nostra prima protezione verso gli agenti esterni.
  2. disturbi intestinali: nell’intestino si trova gran parte del nostro sistema immunitario, è quindi fondamentale mantenerlo sempre in buona salute. Un cattivo funzionamento della flora intestinale può causare non solo un abbassamento delle nostre difese, ma anche disturbi come ansia, depressione, mal di testa e difficoltà di concentrazione. Il primo passo per prendersi cura del “secondo cervello” comincia dall’alimentazione, che deve essere equilibrata e varia. Quando però ciò non fosse sufficiente e stiamo attraversando periodi particolarmente stressanti, ecco sopraggiungere disturbi come stitichezza o, al contrario, diarrea. In questi casi, avvalerci dell’ausilio di fermenti lattici vivi ad azione probiotica risultano un supporto utile per cercare di ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Rinforzare le difese immunitarie basse: rimedi e consigli

Il primo rimedio contro le difese immunitarie basse è senza ombra di dubbio l’adozione di uno stile di vita sano che passa attraverso:

  • un’alimentazione varia ed equilibrata: “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”, scrisse Ippocrate, padre della medicina, comprendendo già ai suoi tempi l’importanza dell’alimentazione in rapporto alla nostra salute ed al nostro benessere psico-fisico. Via libera quindi a frutta, verdura e proteine ​​magre, limitando al massimo zuccheri, grassi saturi e alcol. Ma non solo: esistono cibi alleati nel nostro sistema immunitario come lo yogurt (grazie ai fermenti lattici), il salmone, le noci, i kiwi e gli agrumi da sempre per eccellenza i frutti più ricchi di vitamina C.
  • una regolare e costante attività fisica; lo sport non solo è salutare per mantenere il peso forma, ma incide anche sul nostro benessere mentale, prevenendo e alleviando i sintomi di ansia e stress.
  • un adeguato riposo notturno: dormire almeno 7-8 ore per notte mantiene forte il sistema immunitario. Il nostro corpo, infatti, potrà recuperare più velocemente le energie così da ritornare in una situazione di equilibrio ottimale.

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Intestino

Lactoflorene Difesa

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >