Home > Energia > Articoli > Stanchezza post vacanze, ritrovare le energie dopo l’estate
stanchezza-dopo-le-vacanze

Energia

Stanchezza post vacanze, ritrovare le energie dopo l’estate

Condividi:

L’estate sta finendo e sono tornati i ritmi frenetici della quotidianità. Non tutti però riescono ad affrontare questa situazione in modo sereno e riposato. Secondo alcuni studi, infatti, almeno un italiano su tre torna dalle vacanze più stanco e stressato di prima; colpa di quella che gli anglosassoni chiamano post vacation blues, ovvero la sindrome da rientro o stanchezza dopo le vacanze. Tornati in città nei primi giorni è facile, infatti, sentirsi spossati e affaticati: questa condizione è dovuta al passaggio da un periodo di relax tipico delle vacanze dove le tensioni si allentano, alla ripresa delle abitudini quotidiane. Ma non solo, anche l’umore ne risente: traffico, code, scadenze urgenti, alterazione improvvisa del ciclo sonno-veglia hanno un effetto notevole sia sull’aspetto fisico che su quello psicologico.

Briovitase sostengno integratori

Stanchezza dopo le vacanze: i motivi

Ma quale può essere il motivo della stanchezza dopo le vacanze? Molti esperti sottolineano che non si tratta di un vero e proprio calo di energia ma piuttosto questa spossatezza deriva proprio da un radicale cambiamento delle abitudini. Tuttavia, non allarmiamoci più del dovuto. Anche se può causare disagio soprattutto nelle prime settimane, si tratta di una condizione momentanea dovuta anche alla preoccupazione per il ritorno alla routine quotidiana.

Non solo gli adulti ma anche i più piccoli possono soffrire della sindrome da rientro e spesso lo manifestano attraverso malinconia, svogliatezza, nervosismo, fatica addormentarsi e difficoltà a concentrarsi. È importante, soprattutto con loro, evitare i cambiamenti troppo rapidi per permettere che tornino ai vecchi orari e consuetudini con gradualità. Inoltre i genitori non si devono dimenticare di sfruttare al meglio il tempo libero per fare qualcosa insieme all’aria aperta come una nuotata in piscina, un giro in bicicletta o una gita fuoriporta. Via libera, quindi, al gioco e al movimento che, da sempre, hanno un effetto benefico su tutti, grandi e piccini.

Stanchezza dopo le vacanze: quali sono i sintomi?

I principali sintomi identificabili con questa situazione si possono identificare in:

  • spossatezza, astenia e affaticamento
  • difficoltà a concentrarsi
  • mal di testa e stordimento
  • irritabilità e sbalzi di umore
  • difficoltà a prendere sonno e a ripristinare il regolare ritmo sonno-veglia
  • lieve depressione, perdita di entusiasmo e chiusura relazionale

È importante sottolineare che tutti questi disturbi non dipendono dal non essere riusciti a staccare e riposarsi durante le vacanze, anzi, spesso è proprio la buona riuscita delle ferie che rende difficile una ripartenza. Anche lo stress gioca un ruolo cruciale determinando spesso lo sviluppo di questi sintomi. In vacanza, infatti, corpo e mente si rilassano lasciando a casa ansie e preoccupazioni. Il rientro alla quotidianità costringe il nostro organismo a un lavoro eccessivo a cui non era più abituato, in particolare dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, incaricati appunto a produrre adrenalina e cortisolo, i cosiddetti ormoni dello stress.

stanchezza-post-vacanze-salmone-ferro

Ruolo fondamentale di alimentazione e integratori

In ferie la tendenza a concedersi qualche strappo alla regola è comune a molti. Spesso si tende a mangiare in modo diverso e più disordinato, privilegiando snack, gelati, alcol, cibi fritti e ricchi di grassi, trascurando a volte una corretta idratazione. Il problema è che poi una volta ritornati alla quotidianità rimettersi in forma diventa difficile. Nervosismo, alterazione del sonno, fiacchezza e altri piccoli malesseri passeggeri sono infatti favoriti anche da scelte sbagliate a tavola, mancanza o eccessiva attività sportiva e disidratazione.

Ecco perché anche in questi casi per contrastare i cali di energia post vacanze e cercare di vivere al meglio il ritorno in città, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale.

  • Via libera a cibi ricchi di ferro, vitamine, magnesio e potassio come frutta e verdura di stagione, carni bianche, uova, pesce, frutta secca, olio extravergine di oliva, cercando di limitare le porzioni e consumare cinque piccoli pasti al giorno, senza dimenticare di bere almeno due litri d’acqua.
  • Cercare anche di limitare al massimo il consumo di alcol e di alimenti ricchi di grassi e zuccheri.

Se tutto ciò non fosse sufficiente a ritrovare il giusto sprint, ci si potrebbe avvalere dell’aiuto di un integratore alimentare a base sali minerali come magnesio e potassio con l’aggiunta di ferro, creatina e carnitina un valido alleato proprio in caso di debolezza e affaticamento.

Consigli per affrontare al meglio la stanchezza post vacanze

Come abbiamo detto in precedenza, la stanchezza dopo le vacanze è una condizione molto comune e non bisogna eccessivamente allarmarsi. Seguire alcuni piccoli accorgimenti, però, potrebbe essere utile per limitare il più possibile di imbattersi in questo tipo di stress.

  • Cercare di ripristinare i ritmi sonno-veglia. Bisogna infatti evitare di passare bruscamente da 8-10 ore di sonno estive alle 6-7 del periodo lavorativo, provando ad allontanare l’insonnia anche con rimedi casalinghi come un bagno caldo la sera o una tisana rilassante prima di coricarsi.
  • È necessario che il nostro l’organismo si abitui con gradualità. È quindi importante programmare il rientro qualche giorno prima così da evitare l’impatto troppo brusco di dover andare a lavorare o di affrontare subito i ritmi frenetici quotidiani.
  • Riprendere a praticare un’attività fisica leggera e comunque inizialmente senza sforzi impegnativi, soprattutto se in vacanza si è fatto poco movimento, è importante sia per il corpo che per la mente. Cercare di ritagliarsi durante la giornata almeno mezz’ora di camminata all’aria aperta, così da non rinchiudersi subito troppo tempo in un ambiente chiuso come l’ufficio.

Come gestire il ritorno al lavoro

  • Nei primi periodi in cui si riprende a lavorare, non dimentichiamo di prendere delle piccole pause durante la giornata. Bastano dieci minuti ogni due o tre ore, per ossigenare il cervello, riattivare la circolazione e far riposare gli occhi non più abituati a guardare con troppa continuità lo schermo di un computer.
  • È fondamentale organizzarsi: non farsi sommergere dalle cose da fare, ma darsi delle priorità. Cominciare la routine lavorativa riordinando l’ambiente in cui si lavora
  • Cercare di non isolarsi, ma riallacciare le relazioni con i colleghi con cui chiacchierare ogni tanto è utile per svagarsi e per limitare lo stress.
  • Finché il tempo lo consente, è opportuno ritagliarsi un weekend di relax fuori porta con amici o famiglia.
  • Anche se spesso ci sentiamo un po’ depressi, cercare di dedicarsi alle proprie passioni e ai propri hobby è importante per di ritrovare le giuste energie.

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Energia

Briovitase Sostegno

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >