Home > Salute della Pelle > Articoli > Inestetismi cutanei da terapie farmacologiche? L’aiuto della cosmesi
terapie-farmacologiche

Salute della Pelle

Inestetismi cutanei da terapie farmacologiche? L’aiuto della cosmesi

Condividi:

La pelle risente degli effetti delle terapie farmacologiche assunte per le più diverse patologie, ma esistono rimedi cosmetici che aiutano a ritrovare il benessere della cute giorno dopo giorno.

I trattamenti medicinali infatti non vanno a colpire solo un bersaglio, le cellule ammalate, ma si distribuiscono nei vari tessuti, cute compresa, con la possibilità di determinare inestetismi o danni e soprattutto di causare quella condizione cutanea di pelle sensibile o sensibilizzata.

Le terapie farmacologiche possono causare infatti inestetismi cutanei dovuti a effetti secondari gravi (ad esempio orticarie o dermatiti), ma anche indurre cambiamenti della fisiologia della pelle e dei suoi annessi. La cosmesi può essere d’aiuto nel migliorare la situazione cutanea grazie a trattamenti specifici quotidiani.

Inestetismi ed effetti collaterali sulla pelle dei principali farmaci

La pelle sensibile è costantemente allertata e reagisce a tutto con eritema, edema, papule, prurito, a causa della riduzione delle proprie barriere protettive e della conseguente instaurazione di uno stato di “allerta” costante e continuo del sistema immunitario cutaneo.

Molti farmaci tra i quali alcuni antibiotici o determinate terapie ormonali possono indurre fotosensibilizzazione causata dall’attivazione, da parte della luce solare, delle sostanze farmacologiche depositate sulla cute, con conseguente sviluppo di inestetismi cutanei e reazioni come eritema, orticaria e dermatiti bollose.

Le politerapie assunte da chi presenta più patologie, come accade nei pazienti plurimetabolici, spesso sviluppano alterazioni cutanee insidiose come la degenerazione del connettivo dermico e dell’ipoderma con conseguenti perdita di tono ed elasticità della pelle.

Tra le terapie farmacologiche che provocano i maggiori danni cutanei vi sono i farmaci antineoplastici, chemioterapici o terapie biologiche (targeted terapy).

Sia i chemioterapici, che bloccano la mitosi delle cellule ad alta replicazione come quelle dell’epidermide, che le terapie biologiche – soprattutto quelle antri EGFR (epidermal grow factor receptor), determinano importantissime lesioni cutanee come:

  • Xerosi, con fissurazioni, desquamazioni prurito
  • Sindrome mano piede con eritema e dolore al palmo delle mani ed alla pianta dei piedi
  • Lesioni ungueali e del perionichio
  • Rash con eritema papule e pustole su tutto il viso.

inestetismi cutanei

I rimedi cosmetologici per la pelle alterata da farmaci

Gli inestetismi cutanei e le lesioni anche importanti dovute alle terapie, possono essere controllate con l’utilizzo di programmi cosmetologici appositamente studiati per i pazienti, come:

  • Detergenti per affinità e non per contrasto, che rispettano la pelle asportando solo le secrezioni cutanee in eccesso e le impurità.
  • Creme lenitive nutrienti con oli e burri vegetali eudermici, sostanze dermatologicamente accettate e certificate sulla loro funzionalità.
  • Creme con urea al 5% e altre sostanze cheratoplastiche come allantoina, per tutte le desquamazioni presenti su mani e piedi.
Scopri tutti i contenuti dedicati a

Salute della Pelle