Home > Mamma e Bambino > Articoli > Come aumentare le difese immunitarie dei bambini?
difese-immunitarie-bambini

Mamma e Bambino

Come aumentare le difese immunitarie dei bambini?

Nella stagione fredda, soprattutto nei bambini, le malattie sono più frequenti. Un modo per aumentare le difese immunitarie però c’è.

Con l’arrivo delle stagioni più fredde arrivano anche le malattie più comuni dei bambini. Nasi che colano, tosse e starnuti sono all’ordine del giorno. Se poi i bambini frequentano gli asili e le scuole, i genitori sanno che si troveranno davanti mesi interi fatti di fazzoletti, lavaggi nasali, aerosol e sciroppi.

Attraverso le malattie stagionali i bambini rafforzano il loro sistema immunitario ancora acerbo, quindi non è il caso di allarmarsi. Ci sono però bambini che sono un po’ più fragili e si ammalano con maggiore frequenza, il che può rappresentare un vero e proprio incubo per i genitori che si ritrovano a dover fare i salti mortali per la gestione dei più. Un modo per ridurre la possibilità di contrarre virus e innalzare le difese immunitarie dei bambini c’è. Vediamo quali sono i frangenti sui quali si può intervenire.

Lactoflorene difesa bimbi

Difese immunitarie nei bambini, l’ABC per la loro salute

Sembra banale, ma la prima regola per non ammalarsi è prevenire. Che cosa si può fare a tal proposito, in concreto? Ecco le buone regole per evitare virus indesiderati.

  1. Lavare le mani di frequente. È attraverso le mani che i bambini giocano, toccano superfici, si toccano tra di loro; e le stesse mani, spesso, finiscono in bocca o vengono utilizzate per sfregarsi gli occhi o il naso. I virus ringraziano per questi velocissimi passaggi da un bambino all’altro! È buona regola, dunque, lavare spesso le mani. Acqua e sapone sono gli acerrimi nemici di virus e batteri, ma insegnare anche come lavare correttamente le mani ai bambini è fondamentale. I passaggi per lavare accuratamente le mani per gli adulti sono cosa ovvia, ma non per i più piccoli. Quindi meglio insegnargli con pazienza i vari passaggi: bagnare le mani, insaponarle e sfregarle bene lavando anche la parte interna e tra un dito e l’altro, risciacquare e asciugare. Per lo stesso motivo, è sempre meglio tenere le unghie dei bambini corte: sono più facili da pulire anche dalla terra, spesso ricca di batteri.
  2. Cambiare spesso l’aria nelle stanze. Nei luoghi chiusi spesso l’aria si satura di microbi e diventa poco salubre se non c’è un adeguato ricambio d’aria. Sì allora alle finestre aperte, costantemente, in tutte le stanze che vengono frequentate da una o più persone. Soprattutto in scuole e asili è buona norma cambiare spesso l’aria, vista l’alta concentrazione di persone. Non solo virus: anche lo smog cittadino e le polveri sottili sono dannose per l’organismo e si concentrano in maggiore quantità nei luoghi chiusi.
  3. Non esagerare con i farmaci. È indispensabile sempre attenersi scrupolosamente alle indicazioni del pediatra. È vero che alcuni farmaci aiutano ad uscire dalla convalescenza, ma allo stesso tempo indeboliscono l’organismo che, proprio perché debilitato, potrebbe sottovalutare la somministrazione di farmaci per forzare la guarigione della malattia: le malattie devono fare il loro corso, e nei bambini la maggior parte delle volte la migliore medicina è il riposo. Solo così il sistema immunitario si rafforzerà davvero. 

Difese immunitarie, crescita e sviluppo degli anticorpi

Il sistema immunitario è un complicato insieme di tessuti, cellule, proteine e organi che ha il compito di proteggerci da attacchi di agenti esterni invasori come batteri, virus e funghi. Se il sistema immunitario interviene rapidamente quando veniamo attaccati da agenti invasori esterni non ci accorgiamo di niente, poiché significa che è riuscito a difenderci dalla malattia; quando invece il sistema immunitario soccombe ecco che arrivano sintomi come la febbre, spia di un attacco esterno che il corpo sta cercando di combattere. È in questo caso che entrano in gioco gli anticorpi, ossia una sorta di arma prodotta dal nostro corpo capace di neutralizzare l’invasore. Gli anticorpi, oltre ad attuare una difesa immediata, sono capaci di mettere in atto anche una risposta difensiva più lenta; ogni volta che ci ammaliamo infatti gli anticorpi, dopo aver sconfitto l’agente infettivo, memorizzano come combattere l’infezione nel caso in cui lo stesso microbo dovesse ripresentarsi una seconda volta.

Ma come i corpicini dei bambini imparano a difendersi da virus e batteri?

Fondamentalmente in tre modi: grazie all’immunità innata, presente fin dalla nascita, con le vaccinazioni, e stando a contatto con altre persone e l’ambiente nei primi anni di vita. 

aumentare-difese-immunitarie-bambini-mbenessere

Aumentare le difese immunitarie nei bambini in modo naturale

Ma se gli anticorpi hanno bisogno di un piccolo aiuto, come si fa? Entra in gioco la natura. Sì, perché per aumentare le difese immunitarie dei bambini ci sono diversi modi. 

  • Stare all’aria aperta. Il sole aiuta lo sviluppo della vitamina D, che è una delle vitamine fondamentali per il benessere del sistema immunitario. Fare vita all’aria aperta – ovviamente con i giusti accorgimenti in estate e in inverno – non può che fare bene al bambino, che svilupperà una risposta immunitaria più veloce.
  • Dormire. È importantissimo che i bambini dormano il giusto lasso di tempo ogni giorno, perché un corpo stanco e debilitato è più sensibile agli attacchi da parte degli agenti esterni.
  • Seguire una sana alimentazione. Una dieta equilibrata, ricca di frutta e verdura, garantisce un buon apporto di vitamina C, importantissima per la prevenzione delle infezioni.
  • Assumere vitamine. Sotto consiglio del pediatra, si possono far assumere vitamine ai bambini. Sia la vitamina C che la vitamina D sono importanti per la prevenzione delle infezioni e spesso i più piccoli ne sono carenti. No al fai da te, però: è indispensabile il supporto del medico.
  • Assumere fermenti lattici probiotici. L’intestino dei bambini, oltre ad avere il compito di digerire e assorbire le sostanze nutritive per la crescita, ha l’importante compito di provvedere al buon funzionamento del sistema immunitario, perché la flora batterica intestinale è una vera e propria barriera difensiva nei confronti degli agenti patogeni. Assumere fermenti lattici vivi ad azione probiotica favorisce quindi la normale risposta immunitaria.

Fonti:

Scopri tutti i contenuti dedicati a

Mamma e Bambino

Orsovit

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >

Lactoflorene Difesa Bimbi

X PubblicitàSCOPRI IL NOSTRO CONSIGLIO >